Usa 2020, Kanye West presenta in Oklahoma i documenti per la candidatura a presidente

Mondo
©Getty

Il rapper ha depositato i 35mila dollari necessari e una dichiarazione di candidatura alla Commissione elettorale federale nell'ultimo giorno utile. Ma restano molti dubbi su quanto effettivamente faccia sul serio e su quanto il tentativo dell'eccentrico artista sia realizzabile

Due settimane dopo aver annunciato con un tweet la sua candidatura alle elezioni presidenziali americane di novembre, Kanye West ha presentato i primi documenti ufficiali per la sua campagna in Oklahoma, ieri, ultimo giorno utile nello Stato del Sud. Un rappresentante del rapper - riporta il magazine People - ha presentato la documentazione e i 35mila dollari necessari per poter partecipare alla corsa elettorale. La conferma è arrivata dalla commissione dell’Oklahoma. Sempre ieri, inoltre, il team messo insieme da West per organizzare la sua candidatura ha inviato una dichiarazione di candidatura alla Commissione elettorale federale presentando il suo comitato elettorale come "Kanye 2020". Ma restano ancora molti dubbi su quanto la candidatura di West sia da prendere sul serio, se il rapper sia davvero intenzionato a presentarsi e se riuscirà effettivamente a tentare l'impresa.

Il suo partito ha speso 5mila dollari nella campagna

approfondimento

Kanye West candidato alle elezioni, il web vuole anche Taylor Swift

In un questo set di documenti sono stati indicati il nome del partito di West, BDY (abbreviazione di Birthday, spiega il sito Tmz), poi la residenza ufficiale del candidato, che è Cody (in Wyoming), dove possiede una delle tante residenze acquistate insieme alla moglie Kim Kardashian. Infine sono state denunciate le spese per la campagna presidenziale, che al momento ammontano a 5mila dollari.

I dubbi sulla candidatura

approfondimento

Kanye West, tra la musica e la sua candidatura alle elezioni USA

Questi particolari arrivano dopo che ieri l’Intelligencer, rubrica del New York Magazine, aveva scritto di aver contattato il responsabile comunicazione di West, che ha risposto "He's out": Kanye si è ritirato. In ogni caso l’eventuale candidatura del rapper, se il tentativo fosse davvero serio, resta molto difficile: in molti Stati non può più candidarsi perché il termine è già scaduto mentre in altri dovrebbe raccogliere un significativo numero di firme in un breve lasso di tempo, o comunque non riuscirà a rispettare i requisiti per potersi candidare.

L'eccentrica intervista con Forbes

approfondimento

Da Kanye West a Cicciolina: lo spettacolo entra in politica. FOTO

Pochi giorni dopo l’annuncio della candidatura, Forbes ha pubblicato una lunga intervista con West, una conversazione che è apparsa decisamente eccentrica: il rapper ha affermato di non supportare più Trump e che vorrebbe governare ispirandosi a Wakanda (il regno di fantasia dei film della Marvel), ma anche di aver avuto il coronavirus a febbraio e di non sopportare i vaccini.

Mondo: I più letti