George Floyd, in migliaia a Washington e in molte altre città contro il razzismo

Mondo
©Getty

Nella capitale Usa la grande marcia in omaggio alle vittime della violenza della polizia contro gli afroamericani: presenti centinaia di migliaia di persone. La Casa Bianca è blindata. Cortei e manifestazioni in molte altre città americane e in tutta Europa. Tensioni a Londra 

Washington è scesa in piazza per una nuova imponente manifestazione per protestare contro la morte di George Floyd econtro il razzismo. Nella capitale Usa presenti centinaia di migliaia di persone (FOTO - PROTESTE IN TUTTI GLI USA).

 

Migliaia gli agenti schierati

In tanti sono arrivati davanti al Lincoln Memorial e a Lafayette Square, con sullo sfondo una Casa Bianca blindata: questi i principali punti di ritrovo. Su Twitter è stato lanciato l'hashtag #1MillionDCSaturday per mobilitare più persone possibile. Numerosa la presenza di agenti.  Cortei e proteste anche in altre città Usa, da Miami a Seattle, da Los Angeles a Philadelphia.

WASHINGTON, DC - JUNE 06: Demonstrators gather in front of the Lincoln Memorial during a protest against police brutality and racism on June 6, 2020 in Washington, DC. This is the 12th day of protests with thousands of people descending on the city to peacefully demonstrate in the wake of the death of George Floyd, a black man who was killed in police custody in Minneapolis on May 25. (Photo by Win McNamee/Getty Images)
1247074259 - ©Getty

Cortei e manifestazioni in tutto il mondo

approfondimento

George Floyd, omaggio di Banksy: il problema è il sistema dei bianchi

Nelle ore scorse manifestazioni e cortei sono stati organizzati in tutto il mondo, da Londra a Sydney, da Tunisi a Seul, da Torino a Tokyo (LE PROTESTE IN TUTTA EUROPA). Nella capitale inglese si sono registrati scontri tra polizia e manifestanti (IL VIDEO).

Ad accomunare le proteste, i manifestanti che si inginocchiano, in un gesto ormai diventato il simbolo, e tanti cartelli e slogan, in tutte le lingue, con il messaggio: “Voglio respirare”. La scritta "Black lives matter", il nome di Floyd scandito e l'impegno a sconfiggere le discriminazioni e le violenze in Australia hanno sfidato le regole anti-Covid, con le manifestazioni, da Sydney a Melbourne, che inizialmente erano state vietate dalle autorità. 

A Parigi la protesta davanti all'ambasciata

approfondimento

George Floyd, i ritratti dei manifestanti per Black Lives Matter. FOTO

A Parigi, i manifestanti sono stati bloccati a poche decine di metri dall'Ambasciata degli USA, a place de la Concorde, da uno schieramento massiccio di polizia. Sit in e manifestazioni anche in Italia da Napoli a Torino. "Vogliamo giustizia! Vogliamo respirare!" hanno gridato in centinaia anche a Tunisi mentre in Iraq 'Io voglio respirare' tradotto in arabo dilaga sui social.

Nella capitale della Corea del Sud i manifestanti si sono riuniti per il secondo giorno consecutivo. In Belgio, a Gand, un busto di Leopoldo II, indicato come responsabile della morte e della mutilazione di milioni di congolesi, è stato vandalizzato con della vernice rossa e coperto con un cappuccio con la scritta iconica: "Non riesco a respirare". Manifestazione pacifica anche a Tokyo. Cortei in Sudafrica, Polonia, Portogallo, Olanda, Spagna e Germania.

Mondo: I più letti