Coronavirus Usa, calano i casi in 24 Stati. I dem spingono per una legge da 3mila miliardi

Mondo
©Getty

Arrivano segnali incoraggianti da quasi metà degli stati. In quello di New York, uno dei più colpiti, il calo è del 13% nelle ultime due settimane. Intanto al Congresso i democratici cercano di far passare un'imponente misura di sostegno all'economia, chiamata HEROES Act, ma Trump minaccia il veto

In quasi la metà degli Usa il numero dei nuovi casi di contagio da coronavirus è in calo. Secondo i dati della Johns Hopkins University, i segnali più incoraggianti arrivano da 24 stati, comprese alcune delle aree finora più colpite: nello stato di New York, dove si sono registrati finora 343 mila contagiati e 27.641 decessi, il calo dei casi nelle ultime due settimane è del 13 percento, in New Jersey del 19,4 e in Massachusetts del 22,5. Il trend è positivo anche in Michigan, Louisiana e Connecticut. Gli esperti, comunque, spiegano che gli effetti dell'allentamento delle misure verranno valutati nelle prossime settimane. Intanto i democratici spingono al Congresso per far approvare una legge di sostegno all'economia da 3mila miliardi di dollari (AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE – LA MAPPA DELLA DIFFUSIONE GLOBALE).

I casi continuano a salire in nove stati

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso alla pandemia globale: le tappe. FOTO

In altri diciassette stati, tra cui Illinois,  California e Texas, i numeri restano stabili, mentre in nove i casi continuano a salire: Minnesota, New Mexico, New Hampshire, Iowa, Kentucky, South e North Dakota, con percentuali che variano dall'1,1 per cento del North Dakota al 5,8 del New Mexico. In media, in tutto il Paese, con 1 milione e 417 mila contagiati e 85.906 morti, solo il 25 per cento dei posti letto negli ospedali e' occupato da pazienti contagiati dal Covid-19.

I dem spingono per una legge di sostegno all'economia da 3mila miliardi di dollari

approfondimento

Trump visita centro distribuzione mascherine senza indossarla. VIDEO

Nel frattempo i democratici stanno spingendo al Congresso per far passare un disegno di legge da 3mila miliardi di dollari di sostegno all’economia. La legge deve però affrontare la resistenza dei repubblicani al Senato, che nel ramo più alto del Congresso hanno la maggioranza, con Trump che oltretutto ha minacciato di porre il veto. Il disegno di legge, di oltre 1.800 pagine, è chiamato HEROES Act, acronimo di "Health and Economic Recovery Omnibus Emergency Solutions Act". Tra le misure contenute nel disegno di legge, l'estensione dei sussidi per i disoccupati, un'indennità di rischio per tutti gli operatori sanitari impegnati in prima linea e fondi per i test, il tracciamento e le misure di isolamento.

Il Cdc pubblica le raccomandazioni per le riaperture

Intanto il Cdc (Center for disease control), come riporta il Washington Post, ha pubblicato sei pagine di raccomandazioni con suggerimenti rivolti a scuole, aziende, trasporti pubblici, bar e ristoranti per riaprire in sicurezza nella fase successiva del contrasto alla pandemia. Tra le indicazioni del Cdc, quelle rivolte alle aziende su come promuovere misure igieniche come indossare la mascherina e lavarsi le mani e come monitorare i dipendenti valutando eventuali sintomi di infezione da coronavirus. Viene raccomandato che ristoranti e bar "incoraggino il distanziamento sociale e migliorino la spaziatura negli stabilimenti, distanziando i tavoli, limitando le dimensioni degli spazi", e poi di "evitare il self-service e limitare gli spazi condivisi dei dipendenti, ruotando o scaglionando i turni”. Per il trasporto pubblico viene consigliato di "limitare le tratte da e verso le aree dove è ancora alta la trasmissione del virus" prima di riprendere il servizio completo.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.