San Pietroburgo, un anno fa l'attentato nella metropolitana

Il treno colpito dall'attentato (Getty Images)
2' di lettura

La bomba, esplosa su un treno della linea blu, uccise 15 persone e ne ferì oltre cento. Ad innescarla fu Akbarjon Djalilov, cittadino russo nato in Kirghizistan. L’attacco fu rivendicato da un gruppo legato ad Al-Qaeda ma le autorità continuano ad indagare

Un anno fa San Pietroburgo veniva sconvolta da un attentato alla metropolitana che uccise 15 persone e ne ferì oltre cento. Il 3 aprile 2017 alle 13.30 - ora italiana - una bomba esplodeva in un vagone della linea blu della metro, tra le stazioni di Sennaya Ploshchad e Tekhnologicheskiy Insitut. Tra le vittime anche l'attentatore kamikaze, Akbarjon Djalilov, ventiduenne della città kirghiza di Osh. L'attentato fu rivendicato il 25 aprile 2017 dal gruppo terroristico Katibat al-Imam Shamal, legato ad Al-Qaeda.

Un secondo ordigno inesploso

Il bilancio delle vittime poteva essere molto più grave se, poco dopo l'esplosione, non fosse stata trovata la seconda bomba, disinnescata dagli artificieri. L'ordigno, mascherato da estintore, si trovava nella stazione di Ploshchad Vosstaniya. Secondo le autorità russe, aveva un esplosivo ancora più potente: un chilo di tritolo. La fattura dei due ordigni, però, era simile: entrambi avevano all'interon dei "corpi lesivi", ossia biglie e chiodi mozzati, per potenziarne la forza distruttiva. Gli inquirenti giunsero alla conclusione che Akbarjon Djalilov avesse contribuito per lo meno alla fabbricazione di entrambi i corpi esplosivi. Sulla borsa che conteneva il secondo ordigno furono trovate tracce del suo Dna.

Arrestate 11 persone

Nei mesi successivi le autorità di Mosca arrestarono 11 persone, anche se per molte di loro è ancora da dimostrare un coinvolgimento diretto nell'attacco. Il 20 aprile 2017, il giudice Yelena Lenskaya, decretando il fermo di uno degli arrestati, Akram Azimov, affermò che l'esplosione era stata probabilmente finanziata dai membri di un gruppo terroristico internazionale proveniente dalla Turchia. Azimov, nello specifico, avrebbe addestrato l'attentatore kirghiso per poi mettere a disposizione soldi e documenti falsi per la realizzazione dell’attacco.

Attentato rivendicato da Al-Qaeda

L'attacco venne poi rivendicato dal gruppo Katibat al-Imam Shamal, legato Al-Qaeda, il 25 aprile 2017. L'obiettivo dichiarato: far pagare "col sangue" al popolo russo le vittime dei "fratelli in Siria". La matrice dell'attentato è tuttora al vaglio delle autorità russe.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"