Coronavirus Lombardia, Sala: "Scuola? Poco margine su trasporti"

Lombardia
©Ansa

"Non abbiamo mezzi disponibili, le corse hanno già un notevole livello di frequenza, e, oggettivamente, più di così non sarà fattibile", sottolinea il sindaco di Milano

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Lombardia

 

"Il tema dei trasporti è delicato, in realtà margini di flessibilità non ne abbiamo: quelli che avevamo li abbiamo messi in campo, non abbiamo mezzi disponibili, le corse hanno già un notevole livello di frequenza, e, oggettivamente, più di così non sarà fattibile". Lo ha chiarito il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, parlando della questione della capienza dei mezzi pubblici e della loro frequenza in vista della ripartenza dell'anno scolastico a settembre. Intanto Codogno, nel Lodigiano, e Alzano e Nembro, nella Bergamasca, sono i primi Comuni da cui ha preso il via stamattina la consegna delle sedie e dei banchi monoposto necessari alla riapertura in sicurezza delle scuole, prevista per il 14 settembre.

Intanto sono stati 316 i nuovi contagiati in Lombardia, di cui 42 'debolmente positivi' e 4 a seguito di test sierologico, a fronte di 19.721 tamponi effettuati.
A Milano, invece, in una struttura cittadina, la Rsa Quarenghi, sono stati individuati 22 positivi, 21 ospiti e un operatore.
Depositata ufficialmente questa mattina a Palazzo Pirelli la mozione di sfiducia nei confronti del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in merito alla gestione dell'emergenza Coronavirus.
Nel frattempo l'ospedale San Raffaele di Milano ha annunciato che domani mattina Flavio Briatore lascerà l'ospedale San Raffaele dove è ricoverato, positivo al Covid, da alcuni giorni (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI).

18:19 - Al San Gerardo di Monza 600 candidati per sperimentare vaccino

Sono già quasi 600 i volontari che si sono candidati a sperimentare il vaccino anticovid in via di sviluppo all'ospedale San Gerardo di Monza e messo a punto dalla Takis e dalla Rottapharm Biotech. Lo ha spiegato Marina Cazzaniga direttore del Centro di Ricerca del San Gerardo, che sta conducendo la sperimentazione in collaborazione con l'Università di Milano-Bicocca, durante un approfondimento di Lombardia Notizie Online al quale hanno partecipato il responsabile scientifico del progetto Paolo Bonfanti e il direttore generale della Asst monzese Mario Alparone. La sperimentazione sull'uomo - è stato spiegato - prevede tre fasi ed è il primo passo verso l'utilizzo del vaccino su larga scala. La prima fase durerà circa 3 mesi e dopo un periodo di 'follow up' si analizzeranno i risultati. Alla successiva fase 2 parteciperanno 200 persone, selezionate tra le 582 che si sono già fatti avanti e sono stati iscritti nel registro volontari e tra quelle che ancora si proporranno nei prossimi giorni. Il vaccino in sperimentazione a Monza, di tipo genetico, per stimolare la produzione di anticorpi non utilizza un virus inattivato da impiegare come vettore virale. Costituito da un frammento di Dna una volta iniettato in un soggetto sano, stimola una reazione immunitaria che è in grado di prevenire l'infezione.

18:07 - Gallera: "65% dei nuovi positivi sono persone tornate da vacanze"

L'assessore regionale lombardo al Welfare, Giulio Gallera ha spiegato che il 65% dei 316 nuovi positivi al coronavirus nella ragione nelle ultime 24 riguarda "chi torna dalle vacanze. Abbiamo sfiorato i 20.000 mila tamponi effettuati (19.721). Una cifra record, che porta il totale complessivo a quota 1.555.403 analisi molecolari. Questo dato evidenzia l'immenso lavoro di screening e di sorveglianza che Regione Lombardia sta svolgendo attraverso la rete territoriale. Oltre all'azione fondamentale dei nostri operatori sanitari negli aeroporti, la risposta del sistema Lombardo garantisce interventi tempestivi anche per le autosegnalazioni alle ATS da parte dei cittadini che rientrano dall'estero. Anche oggi, il 65% delle 316 positività riscontrate riguarda proprio chi torna dalle vacanze".

18:02 - In Lombardia 316 nuovi contagi e tre decessi

Con 19.721 tamponi effettuati è di 316 in numero di nuovi positivi al Coronavirus registrati in Lombardia (di cui 42 'debolmente positivi' e 4 a seguito di test sierologico). Aumenta di 3 il numero di ricoverati in terapia intensiva, che sale a 17, mentre diminuisce di uno quello dei pazienti negli altri reparti (172). Sono invece tre i decessi, che porta il totale complessivo a16.860 .

17:04 - San Raffaele: "Domani Briatore sarà dimesso"

Domani mattina Flavio Briatore lascerà l'ospedale San Raffaele dove è ricoverato, positivo al Covid, da alcuni giorni. "L'IRCCS Ospedale San Raffaele - spiegano dalla striuttura - rende noto che domani mattina sono previste le dimissioni del signor Flavio Briatore. Le condizioni cliniche generali consentono al paziente di continuare la terapia in isolamento domiciliare, come previsto in caso di positività al Coronavirus SARS-Cov-2. "

16:41 - Galli: "Negli ultimi 10 giorni arrivati al Sacco anziani positivi da altre Rsa"

Non c'è solo il focolaio emerso oggi all'Rsa Quarenghi di Milano. Negli ultimi 7-10 giorni sono diversi gli anziani, positivi al SarsCov2, mandati all'ospedale Sacco di Milano, la maggior parte dei quali asintomatici o con pochi sintomi. "Il problema è che se si continua così, si rischia di occupare tutti i posti letto dei reparti di malattie infettive e non avere poi disponibilità quando arriveranno i malati con sintomi o quadri più complicati" a dirlo all'ANSA è Massimo Galli, responsabile del reparto Malattie infettive dell'ospedale. "Negli ultimi 10 giorni altre Rsa milanesi, diverse da quella del focolaio emerso oggi, ci stanno mandando anziani positivi al Coronavirus, asintomatici o con pochi sintomi, quindi con una situazione non particolarmente impegnativa a livello epidemiologico, che non richiederebbe un tipo di assistenza per malati acuti", precisa Galli. Mandando però in ospedale questo tipo di "pazienti, rischiamo poi di non avere posti letto disponibili per il ricovero quando più avanti arriveranno le persone con sintomi. Per questo motivo stiamo pensando se riattivare uno dei reparti infettivi per questo tipo di degenze lunghe che non necessita di terapie per acuti". Indubbiamente se il virus riesce ad entrare in una Rsa, conclude Galli, "dilaga, perché gli anziani sono molto più suscettibili degli altri a rimanere contagiati e ad avere un andamento più grave. Ciò non vuol dire che se si è vecchi e si contrae il virus, si va incontro a morte certa. Ricordiamoci che nella Rsa di Castiglione d'Adda nel lodigiano, dove il 100% era risultato positivo, molti sono stati asintomatici o sono sopravvissuti".

14:52 - Scuola: Sala, su potenziamento trasporto pubblico no margini

"Il tema dei trasporti è delicato, in realtà margini di flessibilità non ne abbiamo: quelli che avevamo li abbiamo messi in campo, non abbiamo mezzi disponibili, le corse hanno già un notevole livello di frequenza, e, oggettivamente, più di così non sarà fattibile". Lo ha chiarito il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, parlando della questione della capienza dei mezzi pubblici e della loro frequenza in vista della ripartenza dell'anno scolastico a settembre. "Vedremo quello che decideranno" dal governo e "in funzione di quello che decideranno potremo essere chiari con la cittadinanza e spiegare che tipo di servizio possiamo offrire", ha aggiunto. A Milano per quanto riguarda la capienza dei mezzi pubblici, metropolitane, tram e bus, "ci atterremo alle norme che saranno definite dal governo. Noi qui non possiamo fare il tifo per una soluzione o per l'altra, la decisione dipenderà da quello che la politica deciderà a livello nazionale. Ci impegniamo a garantire che metteremo in campo tutte le azioni per rendere il trasporto pubblico più sicuro possibile". In metropolitana dopo i tornelli di ingresso sarà disponibile del gel igienizzante, "ho chiesto poi ad Atm", la società che gestisce il trasporto pubblico a Milano, "di intensificare la pulizia e la sanificazione anche durante il giorno, quando i mezzi arrivano al capolinea, oltre che il ricambio dell'aria completa che avverrà ogni 4-7 minuti". 

14:32 - Milano, misurazione temperatura in nidi e materne

A Milano all'ingresso degli asili e dei nidi verrà misurata la temperatura a bambini, genitori o accompagnatori, personale. "Stiamo definendo gli ultimi dettagli del protocollo di sicurezza che condivideremo con le rappresentanze sindacali e che sarà coerente con quello nazionale - ha spiegato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel corso di una conferenza stampa -. Il Comune ha previsto la procedura con la misurazione della temperatura all'ingresso per bambini, accompagnatori e dipendenti. Abbiamo fatto un acquisto consistente di termoscanner per questo, che si aggiungono a quelli già acquistati per i centri estivi". I dipendenti e gli insegnati avranno guanti monouso, mascherine, visiere protettive, saranno dotati di gel igienizzante. Il Comune ha poi investito 6 milioni di euro per "incrementare il numero di ausiliari per le pulizie giornaliere nelle aule - ha concluso -. Ci sarà la necessità di tenere puliti ancora di più i bagni, i giochi, gli arredi, ogni volta che dovranno essere utilizzati da un nuovo gruppo di bambini saranno igienizzati".

14:24 - Mozione di sfiducia a governatore Fontana su gestione emergenza

È stata depositata ufficialmente questa mattina a Palazzo Pirelli la mozione di sfiducia nei confronti del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Il documento finale di 8 pagine, che è stato firmato da tutte le forze di opposizione (Pd, M5S, Civici, Azione e +Europa) tranne Italia Viva, fa riferimento alla gestione dell'emergenza Coronavirus da parte della Regione, dal caso della mancata zona rossa nella bergamasca alla "inquietante e triste pagina pagina" delle Rsa, dall'apertura dell'Ospedale Covid alla Fiera di Milano dove i pazienti ospitati "sono stati poco più di una decina" all'"inspiegabile ritardo" nelle forniture di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale, fino all'affidamento diretto e senza gara alla multinazionale Diasorin della realizzazione dei test sierologici. Nessun accenno, invece, rispetto a quanto era stato comunicato a luglio, alla vicenda dei camici che ha coinvolto il governatore lombardo. L'ultimo a firmare, dopo un compromesso - a quanto si apprende - tra i vari gruppi e diverse modifiche, è stato il consigliere radicale Michele Usuelli, che inizialmente aveva espresso dei dubbi sul testo proposto dai 5 Stelle, chiedendo delle integrazioni. L'unica a sfilarsi nella minoranza è stata invece la renziana Patrizia Baffi, che già a luglio aveva spiegato di non condividere "un modus operandi fatto di processi sommari". La mozione per chiedere le dimissioni di Fontana sarà discussa nella prima seduta utile dopo la pausa estiva, probabilmente già l'8 o il 10 settembre.

12:46 - Consegnati banchi a Alzano, Nembro e Codogno

Codogno, nel Lodigiano, e Alzano e Nembro, nella Bergamasca, sono i primi Comuni da cui ha preso il via stamattina la consegna delle sedie e dei banchi monoposto necessari alla riapertura in sicurezza delle scuole, prevista per il 14 settembre. Il commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, ha scelto di cominciare dagli "istituti scolastici dei tre paesi così duramente colpiti dalla pandemia". Sono circa 350 i banchi consegnati nel corso della mattinata ad Alzano e Nembro: si tratta di banchi normali e non a rotelle, solo leggermente più piccoli di quelli tradizionali per permettere il distanziamento. 

12:26 - Fontana: “Serve visione complessiva su pubblico eventi sportivi”

La Lombardia vorrebbe riaprire, seppure parzialmente, palazzetti dello sport e stadi, come ieri ha confermato il presidente della Regione Attilio Fontana, che oggi ha affrontato il tema - a quanto apprende l'ANSA - durante la conferenza unificata sottolineando il bisogno di un quadro generale, di una visione complessiva, viste le varie deroghe che si sono fatte a livello locale. Una questione che il governo ha deciso di approfondire.

9:57 - Focolaio in un Rsa di Milano, 22 positivi

Il Coronavirus torna nelle residenze per anziani: alla Rsa Quarenghi, periferia Nord Ovest di Milano, sono risultati positivi al tampone 21 ospiti e un operatore sanitario. Lo riporta il quotidiano Il Giorno, spiegando che comunque solo uno dei contagiati presenta sintomi. Proprio a causa dei sintomi a questa persona è stato fatto il tampone, risultato positivo. Immediatamente è stato eseguito a tutti gli utenti della struttura (oltre 120) e al personale ed è così che si è scoperto il focolaio. Dei 21 positivi la metà sono già stati ricoverati in ospedale in reparti Covid, gli altri dieci sono isolati in attesa di un posto, mentre l'operatore è stato messo a riposo. "La situazione - assicurano da Coopselios, che gestisce la struttura - è gestita e monitorata quotidianamente dal personale sanitario e socio-assistenzale dell'ente gestore nel rispetto delle procedure e dei protocolli in essere”.

7:19 - A Milano quasi la metà dei nuovi positivi lombardi

Sono 136 i nuovi contagiati nella città metropolitana di Milano, di cui 73 a Milano città, e sono quindi quasi la metà dei 289 nuovi positivi riscontrati in Lombardia. Questo è il secondo giorno consecutivo che nel capoluogo lombardo si supera quota 100. Nelle altre province lombarde, ci sono 20 nuovi casi a Bergamo, 31 a Brescia, 14 a Pavia, 11 a Como e meno di 10 nelle altre città. 

7:16 - In Lombardia 286 positivi in 24 ore: nessun decesso

Con 17.964, tamponi eseguiti, è di 286 il numero di nuovi casi positivi al Coronavirus in Lombardia, di cui 39 "debolmente positivi" e quattro a seguito di test sierologico. Si tratta quindi dell'1,6% del totale esaminato. I ricoverati in terapia intensiva sono scesi a 14, mentre sono aumentati i pazienti negli altri reparti, in tutti 173. Non si è comunque registrato nessun decesso e dunque il totale complessivo: rimane di 16.857 morti. 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24