Coronavirus Lombardia, Gallera: "A Malpensa test a tutti, non solo ai lombardi"

Lombardia

L’assessore regionale al Welfare risponde alle polemiche: “Avevamo stabilito alcune priorità in base agli spazi individuati, che permettevano di eseguire 500 tamponi”. I risultati saranno comunicati via mail o sms entro 24/48 ore

Il link al nuovo liveblog con tutti gli aggiornamenti di oggi dalla Lombardia

 

Da domani all'aeroporto di Malpensa saranno eseguiti i tamponi "ai turisti stranieri, poi ai cittadini italiani, sia lombardi che residenti in altre Regioni”. Lo assicura l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, dopo le polemiche nel primo giorno dei test anticovid.

Nel pomeriggio, alcuni passeggeri in coda all'aeroporto di Malpensa, che sono rientrati dalle destinazioni considerate a rischio come Malta, Grecia, Spagna o Croazia, si sono lamentati di non aver potuto fare il tampone in quanto non sono residenti in Lombardia. 

Oggi in regione si registrano 154 nuovi casi e due decessi, che portano il totale delle vittime da inizio epidemia a 16.846.  (LA DIRETTA).

19:27 - Gallera: “Tamponi 'drive through' vicino Orio”

"Da sabato 22 agosto i passeggeri in arrivo all'aeroporto di Orio al Serio e provenienti da Spagna, Grecia, Croazia e Malta potranno effettuare il tampone con la formula del drive through in uno spazio adeguato accanto alla fiera di Bergamo, a pochi minuti dallo scalo". Lo spiega l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera. "Dopo una serie di sopralluoghi tecnici abbiamo individuato l'area della Fiera per l'attivazione delle postazioni per effettuare i tamponi - spiega l'assessore - ritenendola idonea in termini di sicurezza e funzionalità. Abbiamo messo in campo - prosegue Gallera - un autentico lavoro di squadra coordinato dall'ATS di Bergamo. I volontari dell'Associazione Nazionali Alpini si stanno occupando di allestire l'area immediatamente dietro gli edifici della Fiera. Il personale sanitario del Gruppo San Donato effettuerà i tamponi ogni giorno dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19". La prestazione, spiega la Regione, "andrà prenotata al call center del Gruppo San Donato, seguendo le indicazioni disponibili sul sito di Ats Bergamo. Solo per la giornata di domani, venerdì 21 agosto, per smaltire le prenotazioni già effettuate, i tamponi verranno eseguiti alla Smart Clinic dei Orio Center".

18:37 - Gallera: “A Malpensa test non solo a lombardi”

Da domani a Malpensa saranno fatti i tamponi "ai turisti stranieri, poi ai cittadini italiani, sia lombardi che residenti in altre Regioni”. Lo assicura l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, dopo le polemiche nel primo giorno dei test anticovid. "Gli spazi che, in un primo momento, erano stati individuati a Malpensa da SEA e Usmaf avrebbero consentito l'attivazione di tre postazioni - ha spiegato in un comunicato - con la possibilità di eseguire 500 tamponi. Avevamo quindi stabilito alcune priorità che, nell'ordine, avrebbero privilegiato i turisti stranieri (difficilmente recuperabili dopo aver lasciato l'aeroporto) e i cittadini lombardi (i quali possono contare sui sistemi di segnalazione online delle ATS). Nel momento in cui SEA e Usmaf hanno incrementato le aree a disposizione con una capacità di effettuare 2000 tamponi al giorno aumentando così la platea dei passeggeri da testare. Saranno di conseguenza testati i turisti stranieri, poi i cittadini italiani, sia lombardi che residenti in altre Regioni". periferiche, giovanili". Il dg dell'assessorato Marco Trivelli ha spiegato che "I risultati del tampone saranno disponibili via mail o sms entro 24/48 ore". "I controlli sui rientri - ha aggiunto - sono molto importanti perché stanno restituendo il 4% di positivi a fronte dell'1 registrato sul territorio, aree più a rischio comprese”.

17:23 - Controlli anti Covid all'Idroscalo, multe e piscina chiusa 

Controlli dei carabinieri in due piscine all'interno del bacino dell'Idroscalo di Segrate (Milano) nell'ambito delle misure anti Covid-19. Questa mattina i militari della compagnia di San Donato, assieme al Nucleo Ispettorato del Lavoro, al Nas e con il supporto di un elicottero del nucleo di Orio al Serio (Bergamo), hanno svolto accertamenti nelle due strutture, dove sono stati controllati 9 dipendenti: 3 erano senza contratto di lavoro, violazione che ha comportato la sanzione di 12.800 euro con sospensione dell'attività. Il mancato rispetto delle norme anti Covid-19 (assenza di mascherine, cartellonista e gel sanificanti) ha comportato per entrambi gli impianti (uno dei quali con bar) l'emissione di una multa da 400 euro. Per una delle piscine è stata anche disposta la chiusura per 5 giorni. Le operazioni si sono svolte anche nel territorio del comune di San Donato Milanese, dove ai posti di blocco sono stati controllati 42 veicoli e 70 persone: i carabinieri hanno elevato 5 verbali per violazioni al codice della strada e denunciato una donna per guida in stato di ebbrezza.

17:12 - Lorenzin: “Speranza chiarisca su tamponi Malpensa”

"Ho presentato oggi una interrogazione al ministro della Salute Roberto Speranza per sapere se risponde al vero la notizia, appresa da organi di stampa, secondo la quale, all'aeroporto di Malpensa, la regione Lombardia ha dato ordine di eseguire i tamponi solo per i passeggeri residenti in Lombardia, che ritornano dall'estero. Voglio sperare che sia una farsa ferragostana, perché mi sembra veramente troppo pensare che qualche genio possa immaginare che i virus rispondano alla logica del passaporto o della carta di identità". Così in una nota Beatrice Lorenzin, parlamentare e responsabile Forum Salute del Pd. "In ogni caso, questo episodio ci fa chiedere al ministro Speranza di assicurarsi che ci sia un'azione coordinata sugli aeroporti, in modo da garantire controlli che ci permettano di individuare possibili infetti, a prescindere dall'hub in cui si atterri e proprio per garantire la vigilanza sulla diffusione del virus in una fase delicata come questa, che ci vede attivi su tutti i fronti per prevenire nuovi focolai", conclude.

17:00 - In Lombardia 154 nuovi casi e due decessi

Con 13.757 tamponi effettuati, sono 154 i nuovi casi di Coronavirus accertati in Lombardia. Di questi 30 sono risultati “debolmente positivi”, mentre 5 sono stati rilevati a seguito di test sierologico. Due i decessi registrati nelle ultime 24 ore, che portano il totale delle vittime da inizio emergenza a 16.846. Sale a 16, invece, il numero dei pazienti in terapia intensiva, due in più rispetto a ieri, e a 155 quello dei ricoverati negli altri reparti (+4). È quanto rende noto la Regione.

14:52 - Malpensa, passeggeri: "Niente test ai non lombardi"

Alcuni passeggeri in coda all'aeroporto di Malpensa, che sono rientrati dalle destinazioni considerate a rischio come Malta, Grecia, Spagna o Croazia, si sono lamentati di non aver potuto fare il tampone in quanto non sono residenti in Lombardia. Ad esempio, per una coppia di ragazzi che convivono in Piemonte c'è stata una sorte diversa, sì al tampone per lui e no per lei: "noi conviviamo, io ho il domicilio in Piemonte e vivo con lei - ha spiegato il ragazzo - ma sono ancora residente in Lombardia quindi a me hanno detto che posso fare il tampone e a lei no".
"Io mi sono registrato sul portale e mi sono messo in fila per fare il tampone ma un addetto mi ha spiegato che tutti coloro che non sono residenti in Lombardia e che non si fermano in Lombardia per almeno tre giorni devono andare dalle loro Ats di competenza per fare il tampone - ha spiegato un viaggiatore proveniente dalla Grecia e residente in Piemonte -. Quindi adesso prenderò la mia macchina tornerò a Verbania, contatterò la Ats del mio territorio per il tampone". In mattinata il direttore generale dell'assessorato al Welfare di Regione Lombardia, Marco Trivelli, aveva spiegato nel corso di una conferenza stampa che a "Malpensa i tamponi li facciamo a tutti ma dovendo selezionare le priorità sono gli stranieri perché non si intercettano più una volta lasciato l'aeroporto, poi i cittadini lombardi per alleggerire le Ats e soprattutto quella di Milano. Non c'è una limitazione ma chi è in transito è l'ultimo nelle priorità". A segnalare la vicenda è stato anche il consigliere regionale lombardo del Pd, Pietro Bussolati, che era a Malpensa questa mattina. "È una cosa vergognosa", ha commentato.

13:02 - Calcio, un positivo nel Brescia: rientrava dalla Sardegna

C'è un caso di positività in casa nel Brescia. Si tratta di un giocatore appena rientrato da una vacanza in Sardegna dove tra l'altro nei giorni scorsi è stato in contatto con altri elementi della rosa delle rondinelle. Anche questi si sottoporranno a tampone nelle prossime ore. Per il momento il Brescia, retrocesso in Serie B, attende ulteriori riscontri e accertamenti.

12:40 - A Milano ritardi gestione rientro viaggiatori

In Lombardia "l'unica zona critica" per quanto riguarda la gestione dei tamponi per i viaggiatori che rientrano dai Paesi considerati critici (Grecia, Malta, Spagna, Croazia) "è quella di Milano" dove il persone dell'Ats "ha difficoltà a ricontattare le persone che si sono segnalate". Lo ha spiegato Marco Trivelli, direttore generale dell'assessorato al Welfare di Regione Lombardia nel corso di una conferenza stampa sulla gestione dei tamponi all'aeroporto milanese di Malpensa. "In queste ore stiamo cercando di recuperare. Ci sono state 13 mila segnalazioni che nei primi tre giorni non abbiamo avuto la forza di richiamare - ha aggiunto -. Ieri abbiamo avuto 3.500 contatti ma di questi solo la metà sono diventate prenotazioni" per tamponi. 

12:31 - Dg Welfare Lombardia, 20 percento dei controlli in aeroporto

"Credo che dobbiamo sempre puntare alla sostanza e per noi è coprire con i controlli il 100% dei rientri con i voli; controlli che si fanno per l'80% sul territorio e per il 20% in aeroporto". Così il direttore generale dell'assessorato al Welfare di Regione Lombardia, Marco Trivelli, ha replicato alle polemiche sul fatto che i tamponi negli aeroporti Lombardi sono partiti dopo quelli organizzati ad esempio a Fiumicino a Roma. "Abbiamo iniziato a Malpensa tre giorni dopo Fiumicino, onore al merito ma vorrei sapere se il Lazio ha organizzato l'80% degli accessi sul territorio, dove siamo completi su tutte le province - ha aggiunto -. Per me il problema sono le persone che non si segnalano. Io dico che le persone si devono segnalare e usare la rete sul territorio. L'appello è a segnalarsi alle Ats del proprio territorio e saranno ricontattati, ci sono criticità solo su Milano. Ma stiamo provvedendo e recuperando anche qui". Questi controlli sui rientri "sono importanti perché stiamo riscontrando l'1% di positivi sul nostro territorio e il 4% sui rientri dei viaggiatori".

12:15 - Su Malpensa obiettivo 1500/1800 tamponi giorno

"Fare 1500/1800 tamponi al giorno a Malpensa sarebbe un grande risultato". Lo ha spiegato Marco Trivelli, direttore generale dell'assessorato al Welfare di Regione Lombardia, nel corso di una conferenza stampa all'aeroporto di Malpensa per illustrare l'attività di screening rivolta ai passeggeri che arrivano dai Paesi considerati a rischio per il Covid, Malta, Grecia, Spagna, Croazia. Oggi in Lombardia per quanto riguarda i rientri di viaggiatori "abbiamo 7 mila tamponi attivi che domani saliranno a 9 mila". I viaggiatori che desiderano sottoporsi al tampone lo possono fare in modo volontario, registrandosi prima su un apposito portale online, sono già 1000 i passeggeri che si sono prenotati per eseguire il tampone in aeroporto nei prossimi tre giorni. L'esito del test sarà disponibile via mail o sms in 24/48 ore. "A Malpensa i tamponi li facciamo a tutti ma dovendo selezionare le priorità sono gli stranieri - ha aggiunto Trivelli - perché non si intercettano più dopo che sono passati dall'aeroporto, poi i cittadini lombardi per alleggerire le Ats, soprattutto quella di Milano. Non c'è una limitazione ma chi è in transito ad esempio è l'ultimo nelle priorità". Domani aprirà il punto per effettuare i tamponi anche nel secondo aeroporto milanese, quello di Linate, i voli attesi sono meno rispetto a Malpensa, con una attesa di passeggeri di circa 300/400 persone a giorno. 

12:04 - A Malpensa viaggiatori in coda per tampone

Agli arrivi dell'aeroporto di Malpensa si è creata una coda di viaggiatori, in arrivo dai Paesi considerati a rischio per il Covid, Spagna, Grecia, Croazia, Malta, in attesa di sottoporsi al tampone nelle postazioni che sono in funzione da stamattina. "Oggi partiamo con una struttura che permetterà di fare circa 200 tamponi all'ora ma domani avremo un'area più ampia, con un aumento delle postazioni che ci permetterà di arrivare a 300 - ha spiegato Marco Magrini, dirigente di Ats Insubria, che si occupa della gestione dei tamponi in aeroporto -. Per l'esecuzione dei tamponi servono dai due ai tre minuti ma visto il flusso c'e il rischio di sovraffollamento. Abbiamo pensato a postazioni che sono modulabili e lavoreremo in funzione della richiesta e del flusso". A Malpensa i viaggiatori in arrivo dai Paesi considerati a rischio "sono dai 4 mila ai 7 mila a giorno ed è impossibile pensare che in solo punto prelievi li possa intercettare tutti - ha spiegato Marco Trivelli, direttore generale dell'assessorato al Welfare di Regione Lombardia nel corso di una conferenza stampa -. Bisogna rivolgersi anche al territorio".

9:54 - Malpensa, al via i primi tamponi sui viaggiatori

Da oggi i passeggeri che atterrano all'aeroporto di Malpensa e che provengono dai paesi considerati a rischio, Croazia, Spagna, Malta e Grecia, possono fare il tampone per il Covid. Al principale scalo milanese i primi passeggeri, provenienti da Barcellona, sono già in coda per sottoporsi al tampone nella zona degli arrivi, dove sono state predisposte 8 postazioni con dei gazebo per realizzare il test. Al momento in fila ci sono pochi passeggeri ma il flusso maggiore è atteso in mattinata con l'arrivo di alcuni voli provenienti dalla Spagna e dalla Grecia. "Sono atterrata stamattina da Barcellona - ha spiegato una ragazza rientrata dalla Spagna -, ieri ho letto sul sito della Regione Lombardia che avrei dovuto fare il tampone e quindi mi sono messa subito in coda". Oltre alle 8 postazioni all'interno dell'aeroporto al momento sono in allestimento a Malpensa altre 10 all'esterno dell'aeroporto.

9:53 - Grave 17enne nel Bergamasco

Potrebbe essersi ammalato a una festa a Ferragosto un ragazzo di 17 anni ricoverato al Policlinico di Milano in terapia intensiva pediatrica. Il giovane, di Albano Sant'Alessandro, nel Bergamasco, era arrivato martedì al pronto soccorso di Seriate - come scrive l'Eco di Bergamo - con febbre e sintomi gastrointestinali. Sottoposto al tampone, è risultato positivo al Covid, le sue condizioni si sono aggravate ed è stato trasferito a Milano. Parenti e medici hanno ricostruito i suoi spostamenti, individuando nella festa con amici di Ferragosto uno dei possibili momenti in cui sarebbe avvenuto il contagio. Ats ha tracciato i suoi contatti: 23 persone, che oggi saranno sottoposte al tampone.

7:28 - Coronavirus: comitato parenti, in Lombardia è caos tamponi

"A 5 mesi dalla fine dell'emergenza, costata alla Lombardia 16 mila vittime, Regione Lombardia non è ancora in grado di gestire qualche migliaio di tamponi in zone a potenziale di contagio elevato come gli aeroporti del suo territorio". Lo dichiara Stefano Fusco, portavoce e vice-presidente del comitato 'Noi denunceremo' che assiste parenti delle vittime e che ha presentato nei mesi scorsi molte denunce alla Procura di Bergamo sulla gestione dell'emergenza Covid. "Siamo preoccupati - spiega Fusco - perché nell'evenienza di una seconda ondata abbiamo il timore che si sarebbe di nuovo punto e a capo con le bare ammassate sui carri dell'esercito. La classe dirigente lombarda si sta dimostrando sfacciatamente inaffidabile proprio perché incapace di imparare dagli errori del passato". "Siamo allibiti dalla mancanza di senso di responsabilità di chi dovrebbe tutelarci - aggiunge ancora Fusco -. Regione Lombardia probabilmente non ha imparato nulla da tutto quello che è successo. Siamo passati dal mancato tracciamento degli asintomatici e la carenza di reagenti per l'effettuazione dei tamponi alla mancata effettuazione, oggi, dei tamponi presso gli aeroporti lombardi al rientro dei turisti italiani dai paesi a rischio". E conclude: "Ritardi ieri, ritardi oggi. Responsabilità passate, responsabilità attuali".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24