Coronavirus Bergamo, in un liceo già collocati i plexiglass nelle aule

Lombardia

"Siamo pronti per gli esami e per il rientro a settembre", commenta Cesare Botti, preside del liceo artistico Giacomo e Pio Manzù

In un liceo di Bergamo, una delle città più colpite dalla diffusione del Coronavirus (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - L'INTERVISTA AL PAZIENTE 1 - L'EMERGENZA IN LOMBARDIA), nelle aule sono già stati collocati dei divisori in plexiglass attorno a ciascun banco. "Siamo pronti per gli esami e per il rientro a settembre", commenta Cesare Botti, preside del liceo artistico Giacomo e Pio Manzù. (LE FOTO DELLE AULE)

I banchi divisi dal plexiglass - ©Ansa

Le proposte della ministra Azzolina

approfondimento

Coronavirus, in liceo di Bergamo già pronte le aule con divisori. FOTO

Banchi divisi da pannelli in plexiglass ma anche lezioni in musei, cinema, teatri e negli spazi aperti, aprendosi al territorio: questi gli spunti forniti dal ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina in vista del rientro a scuola a settembre dei circa 8 milioni di studenti italiani. Il ritorno alla didattica a distanza ci sarà solo nel caso malaugurato di ritorno della pandemia e sarà regolato da linee guida specifiche.

La discussione alla Camera

Sul decreto Scuola seduta fiume alla Camera: si discute dopo che nella conferenza dei capigruppo di giovedì sera non è stato trovato un accordo sul voto finale. Ieri Montecitorio ha dato il via libera alla fiducia posta dall’esecutivo sul testo con 305 sì, 221 no e 2 astenuti. Il decreto decade domenica e deve dunque essere convertito in legge entro sabato, quindi è necessaria una mediazione per accorciare i tempi. Tra gli argomenti più controversi proprio l’ipotesi di dividere i banchi delle aule con dei divisori in plexiglass, "anche per garantire maggiore sicurezza" nel quadro dell'emergenza coronavirus, ha spiegato la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina.

Milano: I più letti