Coronavirus in Italia, il bollettino del 2 luglio: 84.700 nuovi casi, i morti sono 63

Cronaca
©Ansa

I tamponi sono 325.588 (ieri 316.040), compresi i test rapidi. La percentuale di positivi è al 26% (ieri era al 27,3%). Le persone in terapia intensiva sono 275 (+11 rispetto a ieri), quelle nei reparti ordinari 7.035 (+205). I decessi totali, dopo alcuni riconteggi, arrivano a 168.488. Il numero dei positivi dall'inizio della pandemia, compresi morti e guariti, sale a 18.695.954. I guariti sono 17.561.902

ascolta articolo

Nelle ultime 24 ore sono stati 84.700 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia, mentre ieri erano stati 86.334. I tamponi effettuati sono 325.588 (ieri 316.040). La percentuale di positivi considerando il totale dei tamponi - quindi molecolari più antigenici rapidi - è al 26% (ieri era al 27,3%). Sono 63 i morti (compresi alcuni riconteggi), 11 i posti letto occupati in più in terapia intensiva rispetto a ieri. È questo il quadro che emerge dal bollettino del Ministero della Salute del 2 luglio (AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE). Sul fronte dei ricoveri - dato cruciale in questo momento per comprendere l'andamento della pandemia - i pazienti Covid in terapia intensiva sono in totale 275, con 40 nuovi ingressi, mentre nei reparti ordinari sono 7.035 (+205). L'occupazione degli ospedali continua a essere sotto controllo e i reparti non sono sotto pressione (LA SITUAZIONE IN ITALIA CON MAPPE E INFOGRAFICHE).

Vittime, tamponi e guariti

leggi anche

Torino, studio su Long Covid: per bambini rischio fino al 46.5%

In Italia, dall'inizio della pandemia, le persone risultate positive al coronavirus, compresi guariti e deceduti, sono 18.695.954. Le vittime in totale sono 168.488, con 63 decessi segnalati nell'ultimo bollettino con un ricalcolo delle Regioni Campania e Sicilia (ieri erano stati 72, compresi alcuni riconteggi delle Regioni Sicilia e Campania). I guariti sono 49.322 nelle ultime 24 ore e 17.561.902 in totale. Sono invece 958.254 le persone in isolamento domiciliare (+36.342). I tamponi sono in tutto 227.538.458 - di cui 93.755.948 processati con test molecolare e 133.782.510 con test antigenico rapido -, in aumento di 325.588 rispetto all’1 luglio. Le persone testate sono finora 59.846.443, al netto di quanti tamponi abbiano fatto.

Le note del bollettino

vedi anche

Covid, addio ai tamponi? Ecco cerotto che rileva anticorpi del virus

Nelle note del bollettino del 2 luglio si legge che: “La Regione Basilicata comunica che il dato relativo ai casi COVID-19 in isolamento domiciliare ed ai guariti, riportato in data odierna nei relativi campi è in corso di revisione sulla piattaforma regionale COVID-19 e non appena consolidato sarà aggiornato. La Regione Campania comunica che a seguito delle verifiche effettuate, si evince che i tre decessi registrati oggi, risalgono ad un periodo compreso tra il 20/06 e il 27/06 2022. La Regione Friuli Venezia Giulia comunica che il totale dei casi positivi è stato ridotto di 5 casi a seguito di 2 tamponi molecolari negativi dopo test antigenico positivo e di 3 test positivi rimossi dopo revisione dei casi. La P.A. di Bolzano comunica che dei 578 nuovi positivi, 10 derivano da test antigenici confermati da test molecolare. La Regione Sicilia comunica che del numero complessivo dei casi confermati comunicati in data odierna, n. 1248 sono relativi a giorni precedenti al 01/07/22 e che i decessi registrati in data odierna risalgono ai seguenti giorni: n.4 al 30/06/2022, n.2 al 29/06/2022 e n.1 al 28/06/2022. La Regione Umbria comunica che 5 dei ricoveri non UTI appartengono ai codici disciplina di Ostetricia & Ginecologia e Pediatria e che 49 dei ricoveri non UTI appartengono ad altri codici disciplina. La Regione Veneto comunica che nei valori riportati per le terapie intensive si è verificato un disallineamento temporale del flusso informativo pertanto per convenzione è stato riportato 2 dimessi da TI invece del n. 5 effettivi che include anche i negativizzati”.

Le vittime

vedi anche

Fiaso, possibile riapertura dei reparti Covid. Aumentano i pazienti

Nel dettaglio, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, per quanto riguarda le vittime se ne registrano:

 

40.852 in Lombardia

14.813 in Veneto

10.633 in Campania

11.481 nel Lazio

17.114 in Emilia-Romagna

11.211 in Sicilia

13.476 in Piemonte

10.191 in Toscana

8.634 in Puglia

3.940 nelle Marche

5.359 in Liguria

3.381 in Abruzzo

2.681 in Calabria

5.156 in Friuli-Venezia Giulia

2.518 in Sardegna

1.884 in Umbria

1.486 nella Provincia autonoma di Bolzano

1.569 nella Provincia autonoma di Trento

936 in Basilicata

636 in Molise

537 in Valle d'Aosta

Cronaca: i più letti