Tragedia Corinaldo, le indagini: venduti più biglietti dei posti disponibili

2' di lettura

I carabinieri rivelano che in realtà ne sono stati venduti 680, 500 quelli staccati. Il presidente del sindacato italiano locali da ballo a Sky tg24: "Si riferisce solo a quelli con timbro Siae, dentro il locale c'erano molte più persone"

Dopo che in un primo accertamento era emerso che risultavano "venduti 1.400 biglietti" per il concerto di Sfera Ebbasta nel locale Lanterna Azzurra di Corinaldo, il comandante provinciale dei carabinieri di Ancona, Cristian Carrozza, spiega a Sky tg24 che in realtà "sono 680 i biglietti venduti, 500 quelli staccati". (I PRECEDENTI). Ma per il presidente del sindacato italiano locali da ballo Maurizio Pasca a Sky tg24 "i numeri di cui parlano i carabinieri si riferiscono solo ai biglietti che riportano il timbro Siae". Pasca insiste: "Non credo che le persone presenti alla Lanterna Azzurra fossero meno di 1400, secondo indiscrezioni lo stesso proprietario si vantava di aver venduto così tanti biglietti" (sulla questione dei biglietti venduti: il video). 

Le ipotesi di reato

Le indagini si stanno muovendo su due fronti: da un lato, si indaga su chi ha spruzzato lo spray al peperoncino, con il minore ritenuto responsabile del gesto che è stato identificato, dall’altro sul sovraffollamento e sulle misure di sicurezza della discoteca. I reati ipotizzati sono morte come conseguenza di altro reato o omicidio preterintenzionale, nel caso della persona che ha usato lo spray, e omicidio colposo per quanto riguarda i i gestori della discoteca. Intanto, una bomboletta contenente gas urticante è stata sequestrata nel locale, anche se non è ancora chiaro se si tratti di quella che avrebbe scatenato il panico. La bomboletta è ora all'esame degli investigatori. Il locale non è tra l'altro dotato di telecamere di sorveglianza, né all'interno né all'esterno.

Il questore conferma: “Capienza totale di 870 persone”

Insieme al procuratore Garulli, sul posto sono andati anche il comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza, il procuratore minorile Giovanna Lebboroni e il questore Oreste Capocasa. Proprio quest’ultimo, intervistato da Sky Tg24 conferma che “la capienza del locale sulla carta è di 870 persone”. Capocasa spiega inoltre la dinamica dell’accaduto: “Si pensa che ci sia stato l’uso di una bomboletta di gas urticante che ha creato calca. Le persone si sono riversate verso un’uscita di sicurezza, che era funzionante, e appena fuori, i due parapetti non hanno retto e sono crollati” (IL VIDEO).

Data ultima modifica 09 dicembre 2018 ore 16:45

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"