Spray urticante al peperoncino, quando si può usare e dove si compra

Foto: Archivio Fotogramma
2' di lettura

La bomboletta al peperoncino è un mezzo di autodifesa molto comune, utilizzato dal 2014 anche dalle forze dell’ordine. Tuttavia, ci sono dei limiti legali imposti dall’uso di questo strumento che - dal 2011 - può essere facilmente acquistato anche nei supermercati

Lo spray urticante al peperoncino è uno strumento di autodifesa regolamentato dal decreto ministeriale n. 103 del 12 maggio 2011. Un decreto che ha avuto la funzione di chiarire e limitare alcuni aspetti in questione di difesa personale presenti nella legge 94/2009 all’interno del cosiddetto pacchetto sicurezza. In generale, lo spray urticante è una bomboletta che dal 2014 viene utilizzata anche dalle forze dell’ordine e che risulta sempre più comune tra i cittadini, specialmente le donne.

Chi può comprare lo spray e dove

Lo spray urticante può essere acquistato da tutti i cittadini che abbiano almeno 16 anni. In principio era venduto esclusivamente da armerie o negozi specializzati nei prodotti di autodifesa, ma dopo la regolamentazione ministeriale è possibile trovarlo anche sul web, in farmacia e nei comuni supermercati. Anche il prezzo è particolarmente accessibile visto che raramente la bomboletta supera i 30 euro.

Come funziona

La sostanza che rende urticante lo spray, quello che viene comunemente chiamato "peperoncino", è in realtà la capsaicina: un composto chimico presente, in diverse concentrazioni, in piante del genere Capsicum tra cui, appunto, il peperoncino piccante. Si tratta di una sostanza capace di provocare forti e istantanee irritazioni alle mucose e agli occhi. Il suo effetto, se la concentrazione di capsacina è nei limiti legali, dura circa 20 minuti e non provoca danni alla salute di chi subisce lo spruzzo.

Quando si può usare

Lo spray urticante al peperoncino può essere utilizzato soltanto in caso di legittima difesa. Quando il soggetto che possiede la bomboletta viene aggredito, è possibile usarla purché si tratti di uno spray legale: il flacone, infatti, secondo quanto stabilito dal ministero, non può contenere più di 20 ml di prodotto urticante e non può avere una gittata superiore ai tre metri. Oltre queste soglie, lo spray non è più uno strumento di legittima difesa ma un mezzo illegale di aggressione.  

Altre limitazioni

In base a quanto riportato dalla circolare ministeriale, è obbligatorio che non siano presenti contenuti infiammabili all’interno della miscela, che siano totalmente escluse sostanze tossiche o agenti chimici particolarmente aggressivi, che tutte le sostanze presenti siano regolarmente riportate sull’etichetta e che il prodotto abbia un sistema contro l’attivazione casuale. Inoltre, è stata stabilita l’obbligatorietà delle istruzioni nella confezione e la presenza del simbolo di pericolo Xi accompagnato dalla scritta "irritante".

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"