Terremoto in Messico, "silencio" chiedono i soccorritori: FOTO

Un sisma di magnitudo 7.1 ha scosso il Paese. I morti sono centinaia, ma il bilancio si aggrava di ora in ora. Si scava tra le macerie, nell'area regna il silenzio: l'obiettivo e la speranza sono riuscire a sentire le voci di superstiti intrappolati sotto i crolli
  • ©Getty Images
    Il Messico torna a tremare dopo il sisma dello scorso 8 settembre. La scossa, di magnitudo 7.1, si è verificata poco dopo le ore 13 (le 20 italiane) del 19 settembre - Il Messico trema: sisma di magnitudo 7.1
  • ©Getty Images
    Il bilancio delle vittime è in continuo aggiornamento. I morti accertati sono più di 200. Ma secondo la United States Geological Survey (Usgs) si potrebbe arrivare a mille - Messico, si scava tra le macerie
  • ©Getty Images
    La scossa ha lasciato senza elettricità il 40% di Città del Messico e il 60% dello Stato di Morelos. Lo ha comunicato il presidente Enrique Pena Nieto, affermando che in questo momento la priorità è salvare il maggior numero possibile di persone - Il video del crollo di un edificio
  • ©Getty Images
    Nella capitale messicana si è sgretolata una scuola: 14 bambini sono stati salvati, 21 sono rimasti uccisi. Ma, anche in questo caso, il bilancio potrebbe aggravarsi - Terremoto Messico, crolla scuola
  • ©Getty Images
    I soccorritori con le braccia alzate. È il segnale utilizzato per chiedere di fare silenzio e permettere così di accertare la presenza di persone in vita sotto gli edifici crollati - Terremoto in Messico, le immagini della scossa dall'alto
  • ©Getty Images
    Se le braccia alzate non bastano, spuntano sui luoghi del disastro i cartelli con la scritta "silenzio". Si scava con cautela, soprattutto a mani nude per evitare altri crolli - Le immagini del sisma dell'8 settembre