Barcellona, proteste in piazza contro il blitz della polizia. FOTO

Centinaia di persone hanno manifestato contro l'operazione che ha portato all'arresto di 14 persone legate alla Generalitat de Catalunya. "Una vergogna per la democrazia", ha dichiarato il presidente catalano Carles Puigdemont . LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Centinaia di persone sono scese in strada a Barcellona questa mattina per protestare contro un'operazione di polizia che ha portato all'arresto di 14 persone legate al governo catalano. La Guardia Civil ha compiuto il blitz eseguendo la decisione di un tribunale che intende sospendere i preparativi per il referendum sull'indipendenza del primo ottobre - Il blitz della Guardia Civil
  • ©Getty Images
    Mentre i cittadini di Barcellona continuano a manifestare, ha parlato il presidente della Generalitat de Catalunya Carles Puigdemont: "Il governo spagnolo ha sospeso di fatto l'autogoverno catalano, imponendo uno stato eccezionale". Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha spiegato che l'operazione "è stata ordinata da un giudice affinché si rispetti la legge” - Le dichiarazioni di Puigdemont
  • ©Getty Images
    "Quello che sta succedendo in Catalogna non accade in nessuno Stato dell'Unione europea – ha continuato Puigdemont -. Non accetteremo un ritorno a epoche passate e difenderemo il diritto dei nostri cittadini a decidere il proprio futuro. Il governo spagnolo ha oltrepassato la linea rossa e questa azione è una vergogna per la democrazia" - Rajoy contro l'indipendenza catalana
  • ©Getty Images
    I manifestanti si sono radunati sulla Rambla de Catalunya e la Gran Vía de la Corte Catalana, le due arterie principali della città. Ma anche davanti al dipartimento degli Esteri e dell'Economia. Le proteste hanno conosciuto anche attimi di tensione con la Guardia Civil: i manifestanti avrebbero cercato di fermare il convoglio che trasportava le persone arrestate - Barcellona in piazza per l'indipendenza
  • ©Getty Images
    Il ministero degli interni spagnolo ha reso noto che la Guardia Civil ha sequestrato oggi 10 milioni di schede per il voto al referendum catalano del 1 ottobre durante una perquisizione in un magazzino a Bigues i Riells, vicino a Barcellona. Gli agenti hanno sequestrato nell'operazione anche altro materiale elettorale per il referendum di autodeterminazione - Il referendum catalano
  • ©Getty Images
    Anche molti altri politici della Generalitat de Catalunya, tra cui il presidente dell'Assemblea Jordi Sànchez, hanno già espresso il proprio sdegno per l'operazione di polizia e il sostegno alle manifestazioni spontanee. Anche la sindaca di Barcellona, Ada Colau, ha protestato su Twitter: "È uno scandalo democratico che si invadano le istituzioni e che si arrestino cariche pubbliche per motivi politici. Difendiamo le istituzioni catalane" - La decisione di bloccare il referendum
  • ©Getty Images
    Nell'operazione che ha scatenato le proteste, la Guardia Civil ha arrestato 14 politici, tra cui Josep Maria Jové segretario generale alla vice-presidenza della Generalitat de Catalunya e segnalato altre 22 persone. Gli arrestati fanno parte di un team allestito dal vice-presidente Oriol Junqueras per organizzare il referendum indipendentista - L'alt della Corte Costituzionale spagnola