Ucraina, il dissidente Saakashvili rientra nel Paese. FOTO

Ha guidato la Georgia ed è stato governatore di Odessa, ma non ha nessun passaporto. Per varcare i confini della sua nazione adottiva, ha dovuto attraversare le frontiere grazie all'intervento dei manifestanti anti Poroshenko. LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Mikheil Saakashvili è stato presidente della Georgia e governatore della regione di Odessa. Tuttavia sia il Paese di orgine che l'Ucraina gli hanno ritirato la cittadinanza. Dopo diversi tentativi, però, è riuscito a tornare in Ucraina - La notizia su Reuters
  • ©Getty Images
    Dopo aver provato a entrare nel Paese in treno e in bus, Saakashvili avrebbe raggiunto la meta a piedi, accompagnato da un folto gruppo di sostenitori - Ucraina, agguato a Kiev: ucciso ex deputato russo
  • ©Getty Images
    I manifestanti avrebbero contribuito a rompere il cordone di polizia creato tra Polonia e Ucraina. Più precisamente tra le città di Medyka e Shehyni - Cyber-attacco, Ucraina accusa Russia
  • ©Getty Images
    Il viaggio di Saakashvili è stato accompagnato da un gruppo di giornalisti e da alcuni membri del parlameno ucraino, oltre che dall'ex primo ministro Yulia Tymoshenko - La vita nel Donbass ai tempi del conflitto tra filorussi e Kiev. FOTO
  • ©Getty Images
    Leader della rivoluzione delle rose del 2003, Saakashvili è stato eletto presidente della Georgia al termine delle elezioni del 2004, succedendo al capo di Stato provvisorio Nino Burjanadze. La stessa Burjanadze ha poi guidato provvisoramente il Paese a partire dal novembre 2007, prima che elezioni presidenziali del 2008 confermassero Saakashvili capo di stato sino al 2013. Alla fine della parabola politica nel suo Paese d'origine, aveva trovato accoglienza in Ucraina - La Russia rilascia la top-gun ucraina Savchenko
  • ©Getty Images
    Nel 2015 il presidente Poroshenko gli offre la carica di governatore a Odessa. La Georgia ritira la cittadinanza. Un provedimento che arriva anche da Kiev, quando i rapporti tra Poroshenko e Saakashvili si inaspriscono per le accuse di incoraggiamento della corruzione che quest'ultimo muove nei confronti del presidente ucraino - Nazionalisti "murano" banca russa a Kiev. FOTO
  • ©Getty Images
    Saakashvili resta così senza patria. Negli ultimi anni ha vissuto a New York, in Polonia e Ungheria. Fino alla decisione di tentare il rientro grazie al supporto dei suoi sostenitori - Rilasciate le Pussy Riot arrestate in Siberia
  • ©Getty Images
    La sua posizione resta però problematica. Non è persona gradita in Ucraina, dove la polizia ha ora lanciato un'indagine per introduzione illegale nel Paese. La Georgia ne chiede invece l'estradizione: qui Saakashvili è accusato, tra le altre cose, di corruzione - 2015: l'intervista di Sky TG24 a Poroshenko
  • ©Getty Images
    L'ex presidente georgiano rifiuta di sottoporsi al giudizio perché convinto che le accuse siano false e abbiano motivazioni politiche - Ucraina, i video-appelli degli studenti su YouTube