Microsoft investe 10 miliardi in OpenAI, la società che realizza ChatGPT

Tecnologia

L'azienda di Bill Gates investe sull'app del momento, per accelerare sui progressi dell'Intelligenza Artificiale e condividerli con il mondo

ascolta articolo

Il gigante tecnologico statunitense Microsoft ha confermato oggi un investimento pluriennale di "miliardi di dollari" corrispondente alla terza fase della sua partnership a lungo termine con OpenAI, produttrice dell'app del momento di cui tutti parlano: ChatGPT. L'obiettivo della collaborazione, iniziata nel 2019, è quello di accelerare i progressi nell'Intelligenza Artificiale (IA) e garantire che questi benefici siano ampiamente condivisi con il mondo, ha annunciato la multinazionale.

 

Cos'è ChatGPT

approfondimento

ChatGPT, ecco come funziona l’intelligenza artificiale più evoluta

Lanciato in versione Beta lo scorso 30 novembre, ChatGPT è uno strumento di scrittura gratuito di OpenAI. Il servizio è parte di una nuova generazione di un sottosistema di intelligenza artificiale, ovvero "machine learning", in grado non solo di "conversare" o generare testi su richiesta ma anche produrre nuove immagini e video basati su quanto appreso da un vasto database digitale. Un enorme "affare" che già si dice sostituirà gli attuali motori di ricerca, tanto che Microsoft aveva annunciato l'inserimento dell'AI sul suo Bing. 

Le cifre

vedi anche

Microsoft-Blizzard, l'Antitrust Usa pronta a bloccare l'acquisizione

Confermate le indiscrezioni dei giorni scorsi, l'investimento previsto da Microsoft in OpenAI avrebbe raggiunto i 10 miliardi di dollari portando la valutazione della società a circa 29 miliardi. Il titolo dell'azienda di Bill Gates intanto guadagna l'1,6%, mentre la settimana scorsa ha annunciato una serie di misure in risposta alle condizioni macroeconomiche, tra cui il taglio di circa 10.000 posti di lavoro, poco meno del 5% della sua forza lavoro, ipotizzando un impatto negativo straordinario di 1,2 miliardi di dollari nei conti del secondo trimestre fiscale.

Tecnologia: I più letti