Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Smartphone, per un quarto degli under 25 esiste una dipendenza

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 3/12

1' di lettura

Ad affermarlo è uno studio dei ricercatori del King's College di Londra che ha incrociato i risultati di 41 lavori scientifici che hanno riguardato il rapporto tra adolescenti e utilizzo del dispositivo  

Un adolescente su quattro, nella fascia d’età sotto i 25 anni, ha un approccio problematico nell’uso dello smartphone. A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori del King's College di Londra, pubblicato sulla rivista scientifica “Bmc Psychiatry” che ha analizzato nel dettaglio tutta la letteratura scientifica prodotta sul tema e pubblicata dal 2011, quando per la prima volta gli smartphone hanno evidenziato una diffusione di massa, specie tra i più giovani.

Il 23% dimostra un uso problematico

Secondo gli esperti, la gamma di studi prodotti ha mostrato che una forbice tra il 10 e il 30% dei bambini e dei giovani abbia usato lo smartphone in modo disfunzionale, nello specifico una media del 23% sul totale. L’approccio nei confronti del dispositivo è stato definito come una vera e propria dipendenza, dettata da reazioni come sentirsi in preda al panico o essere arrabbiati quando il telefono non poteva essere utilizzato, oppure ancora come avere difficoltà nel controllare la quantità di tempo trascorso sul telefono e usare lo stesso a scapito di altre attività tipiche dell’età. I numeri analizzati, d’altronde, sono frutto dei risultati di 41 studi che hanno condotto ricerche su un totale di 41.871 adolescenti. Trenta di questi studi riguardavano l'Asia, nove l'Europa e due l'America. Il 55% dei partecipanti era di sesso femminile e proprio le giovani donne, nella fascia di età compresa tra 17 e 19 anni, sono state indicate come quelle più propense ad un uso problematico dello smartphone. A rafforzare la loro tesi, i ricercatori inglesi hanno notato correlazioni tra l’utilizzo intensivo e scarse misure di salute mentale in termini di umore, depressione, ansia, stress, scarsa qualità del sonno e rendimento scolastico.

L’importanza del ruolo dei genitori

“Attualmente ci sono molte opinioni sui possibili effetti negativi dell'uso dello smartphone e ricerche precedenti hanno teso a esaminare solo la quantità e la frequenza del tempo trascorso su qualsiasi tecnologia o smartphone. La nostra ricerca ha valutato gli effetti non solo dell'uso intensivo, ma dell'uso disfunzionale dello smartphone e, osservando un modello dipendente di comportamento verso i dispositivi, abbiamo stabilito correlazioni tra questo tipo di comportamento disfunzionale e risultati associabili a problematiche di natura mentale”, ha detto Ben Carter, uno degli autori dello studio. “Non sappiamo se è lo stesso smartphone che può creare dipendenza o le app che le persone utilizzano. Tuttavia, è necessario sensibilizzare l'opinione pubblica sull'uso dello smartphone nei bambini e nei giovani: i genitori dovrebbero essere consapevoli di quanto tempo trascorrono i loro figli sui telefoni”, è il monito di un altro autore della ricerca, Nicola Kalk.  

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"