Tetris, 35 anni fa nasceva uno dei videogiochi più venduti di sempre

Tecnologia

Il 6 giugno del 1984 il programmatore russo Aleksej Leonidovič Pažitnov creava il gioco che avrebbe segnato un'intera epoca. Dalla prima versione testuale a quella in realtà virtuale, Tetris continua ancora oggi ad appassionare milioni di giocatori in tutto il mondo  

Il 6 giugno del 1984 Aleksej Leonidovič Pažitnov, ricercatore informatico presso il centro di calcolo Dorodnitsyn, una divisione dell'Accademia delle Scienze dell’URSS di Mosca, programmava quello che sarebbe diventato uno dei videogiochi più famosi di sempre: 35 anni fa vedeva la luce Tetris. Gli iconici tetramini, figure geometriche piane formate da quattro quadrati identici uniti tra loro lungo i lati, hanno segnato un’intera generazione di appassionati di videogame e il loro successo non accenna ad arrestarsi ancora oggi.

Prima versione era testuale

Vista la tecnologia disponibile negli anni ’80, la prima versione del gioco era testuale e i quadratini erano formati da due parentesi quadre poste una di fronte all’altra ([ ]). Tetris, il cui nome deriva dalla sincrasi tra il termine ‘tetramini’ e ‘tennis’, sport di cui Pažitnov era appassionato, conquistò subito i colleghi del programmatore, tanto che in molti si dicevano ‘stregati’ da quelle figure a forma di T, J, S, Z, I, L e O che scendevano dall’alto. Dall’Unione Sovietica, il gioco arrivò in occidente nel 1986 ma la consacrazione definitiva arrivò nel 1989, quando Nintendo decise di venderlo in bundle con il primo Game Boy della storia, entrando così nelle case di milioni di giocatori in tutto il mondo insieme ai suoi inconfondibili motivetti musicali di sottofondo tratti dalla tradizione russa.

Oltre 170 milioni di copie vendute

Non essendo mai stato brevettato, in questi 35 anni Tetris è stato al centro di numerose dispute per i diritti d’autore, ma ciò gli ha permesso al tempo stesso di approdare su ogni piattaforma di gioco esistente, partendo dalle prime versioni per sala giochi alle varie console fisse e portatili, fino ad arrivare, più recentemente, su smartphone e tablet. Inizialmente in bianco e nero, il gioco è diventato poi a colori e oggi esiste pure una versione in virtual reality per PlayStation VR. Nel febbraio del 2019 si è anche trasformato in un Battle Royale, il genere videoludico che sta spopolando da qualche anno a questa parte. Il successo di Tetris è certificato anche dalle oltre 170 milioni di copie vendute, che da tre decenni gli consentono di rimanere stabile nelle primissime posizioni dei videogiochi più distribuiti di sempre.

Tecnologia: I più letti