Sony, nuove cuffie wireless per la gamma Extra Bass

Tecnologia

Si chiamano XB900N e integrano la tecnologia per la cancellazione attiva del rumore. In vendita da giugno, negli Usa saranno acquistabili a 250 dollari 

Sony arricchisce la sua gamma ‘Extra Bass’ con le nuove cuffie wireless XB900N, una versione più economica delle WH-1000XM3, ma comunque dotate della loro caratteristica principale, ossia la cancellazione attiva del rumore esterno. In vendita da giugno, negli Stati Uniti saranno acquistabili al prezzo di 250 dollari.

Caratteristiche tecniche

Per quanto riguarda il design, Sony ha preso alcuni accorgimenti per rendere le sue cuffie ancora più comode, sia indosso che per il trasporto. I padiglioni auricolari, ad esempio, possono essere ruotati internamente e piegati, così da occupare meno spazio nello zaino e creare meno ingombro se adagiate intorno al collo. Anche l’archetto che li unisce è stato pensato per non dare fastidio all’utente, in particolare durante i lunghi viaggi. Inoltre, il loro peso è di solo 254 grammi. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, grazie alla tecnologia Extra Bass, le cuffie garantiscono un’elevata qualità nella riproduzione delle frequenze più basse. Possono essere connesse a uno smartphone iOS o Android via Bluetooth, ma possono anche essere collegate tramite il classico cavetto. All’esterno del padiglione destro, sono presenti dei pulsanti con i quali gli utenti possono regolare il volume o cambiare brano. Le cuffie integrano un microfono attraverso il quale si può effettuare una chiamata oppure interagire con gli assistenti vocali Google Assistant e Amazon Alexa. La batteria, infine, raggiunge le 30 ore di funzionamento con cancellazione del rumore attiva, fino a 35 ore con cancellazione disattivata, e può essere ricaricata in circa 7 ore con il cavo USB Type-C.

Lo storico accordo tra Sony e Microsoft

Pochi giorni fa, Sony e Microsoft hanno annunciato uno storico accordo, che le porterà a collaborare per sviluppare nuove soluzioni nell’ambito del cloud gaming e dell’Intelligenza Artificiale, una mossa dettata con ogni probabilità dalle preoccupazioni di entrambe le società in seguito alla presentazione di Google Stadia. Il principale obiettivo di questa nuova partnership sarà quello di individuare e sviluppare nuove soluzioni basate su Microsoft Azure, che possano supportare i servizi di giochi e streaming di contenuti delle due compagnie.

Tecnologia: I più letti