Spotify, raggiunti i 200 milioni di utenti attivi ogni mese

Tecnologia

Sono 87 milioni gli utenti con abbonamento premium e 113 milioni quelli che usufruiscono del servizio gratuito. La società mira ora ai podcast: ha modificato l’applicazione al fine di favorire al meglio la loro fruizione 

Spotify ha raggiunto 200 milioni di utenti attivi mensilmente. Un ambito obiettivo comunicato da Dustee Jenkins, manager dell’azienda e responsabile della comunicazione globale, in occasione del Ces (Consumer Electronics Show), l’appuntamento hi-tech tanto atteso da tutti gli appassionati di tecnologia, tenutosi a Las Vegas dall’8 all’11 gennaio 2019.
Nello specifico, sono 87 milioni gli utenti paganti che hanno sottoscritto l’abbonamento premium mensile. La restante parte, pari a 113 milioni di utenti, ascolta la musica grazie al servizio gratuito offerto da Spotify.

Nuovi obiettivi a cui mira Spotify

Il noto servizio di musica on demand, che offre l’ascolto illimitato di oltre 40 milioni di brani, mira ora ai podcast, concentrando la propria attenzione ad ampliare lo streaming e il numero di utenti. Spotify ha infatti modificato l’applicazione al fine di favorire al meglio la fruizione dei podcast.
A tal proposito, l’azienda svedese ha recentemente annunciato un nuovo accordo che prevede la trasmissione dei podcast di Jemele Hill, giornalista sportiva, e di Amy Schumer. Stando alle indiscrezioni, l’attrice avrebbe accordato il programma in cambio di un milione di dollari.

Il nuovo aggiornamento introduce la funzione artist radio

Spotify ha recentemente reso disponibile un update per la versione premium. Il nuovo aggiornamento, comunicato dall’azienda in un post sul blog, comprende una nuova interfaccia utente, molto più semplice e intuitiva. L’obiettivo del noto servizio di musica on demand è quello di facilitare la ricerca di brani e artisti da parte degli utenti.
L’update, inoltre, permette di usufruire della nuova funzione ‘artist radio’. Gli utenti possono infatti usufruire di un’infinita playlist personalizzata realizzata seguendo i gusti e le preferenze musicali di ogni cliente.
È possibile scaricare e ascoltare offline tutti i brani presenti all’interno della playlist. Gli utenti, tuttavia, non possono valutare con un pollice in su o in giù, le canzoni che ne fanno parte.  

Tecnologia: I più letti