Huawei sta sviluppando un suo sistema operativo per smartphone

Tecnologia
Immagine di archivio (Getty Images)

Lo ha dichiarato il presidente della divisione prodotti dell’azienda in un post sulla piattaforma di microblogging cinese Weibo 

Confermando le indiscrezioni che erano circolate negli ultimi mesi, Bruce Lee, il presidente della divisione prodotti di Huawei, ha dichiarato in un post sulla piattaforma di microblogging cinese Weibo che l’azienda è al lavoro su un sistema operativo da integrare nei suoi prossimi smartphone al posto di Android. Con questa mossa, la compagnia sfida i colossi del settore come Apple e Google e si mette al riparo da eventuali azioni degli Stati Uniti. Il nome in codice del sistema operativo è Kirin Os.

Il boicottaggio degli Stati Uniti

Lo scorso aprile era circolata l’indiscrezione che Huawei avesse iniziato lo sviluppo di un proprio sistema operativo già nel 2012, come piano di emergenza per scenari peggiori.
Di recente il presidente Usa Donald Trump ha cercato di persuadere i paesi alleati, Italia compresa, a boicottare i dispositivi dell’azienda cinese, considerati dal governo statunitense un rischio per la cybersicurezza. L’obiettivo è impedire a Huawei di sviluppare le proprie reti 5G negli Stati Uniti.
Una scelta che potrebbe essere controproducente, almeno secondo Eirc Xu. Il presidente della compagnia di Shenzhen ha dichiarato che escludere Huawei dal mercato impedirebbe agli Stati Uniti di divenire leader nello sviluppo della connettività di quinta generazione. Per Xu, inoltre, il boicottaggio Usa non è basato su fatti comprovati.

Il successo commerciale di Huawei

Nonostante questi problemi, il 2018 è stato un anno complessivamente positivo per Huawei. Nel corso del secondo trimestre il colosso di Shenzhen ha superato Apple. Gli analisti di Idc hanno rilevato che la compagnia ha messo in commercio 54,2 milioni di smartphone, superando persino Apple, la quale nello stesso periodo ha commercializzato 41,3 milioni di iPhone. Si tratta di un dato positivo, specialmente considerando la fase di leggera flessione che sta attraversando il mercato dei dispositivi mobile.
Il prossimo obiettivo di Xiaomi è raggiungere i 200 milioni di dispositivi a fine 2018. Nel 2019, l’azienda prevedere di crescere ulteriormente e di superare nelle vendite anche Samsung.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24