Djokovic: "Non sono no-vax, ma pronto a sacrificare tornei se costretto a vaccinarmi"

Sport

Il tennista serbo torna a parlare in pubblico, con un’intervista alla Bbc, dopo l’espulsione dall’Australia. “Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni, ma ho sempre sostenuto la libertà di scegliere cosa mettere nel proprio corpo"

ascolta articolo

"Se sarei pronto a sacrificare la partecipazione a competizioni come Wimbledon e Open di Francia per la mia posizione sul vaccino? Sì, questo è il prezzo che sono disposto a pagare". Lo ha detto il numero uno al mondo, il serbo Novak Djokovic in una intervista alla Bbc sulla sua posizione sui vaccini contro il covid. Il tennista, 20 volte vincitore di una prova del Grande Slam, è stato espulso dall'Australia il mese scorso dopo che il governo ha annullato il suo visto per il suo status vaccinale. 

Da caso Australian Open alle ultime posizioni

approfondimento

Djokovic dopo l’espulsione: a quali tornei potrà partecipare?

Djokovic aveva dichiarato di aver ottenuto un'esenzione medica per entrare nel Paese per giocare agli Australian Open poiché si era recentemente ripreso dal Covid-19. Tuttavia, il ministro dell'immigrazione del Paese, Alex Hawke, ha cancellato personalmente il visto del 34enne serbo, sulla base del fatto che la sua presenza avrebbe potuto incitare a "disordini civili" e incoraggiare sentimenti anti-vaccino. "Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni", ha detto Djoko, confermando di aver fatto i vaccini da bambino, "ma ho sempre sostenuto la libertà di scegliere cosa mettere nel proprio corpo".

“Il mio corpo è più importante di qualsiasi titolo”

vedi anche

Covid, Djokovic compra 80% di un’azienda danese che lavora a una cura

In un'intervista ad ampio raggio, la prima da quando è stato detenuto a Melbourne a gennaio, Djokovic ha affrontato la speculazione sulla tempistica del suo caso positivo di Covid a dicembre e ha discusso del proprio atteggiamento nei confronti del vaccino. Djokovic ha detto che sperava che i requisiti di vaccinazione in alcuni tornei cambiassero, aggiungendo che sperava di "poter giocare per molti più anni". Ma ha anche confermato di essere disposto a rinunciare alla possibilità di diventare statisticamente il più grande tennista di tutti i tempi. "Perché i principi del processo decisionale sul mio corpo sono più importanti di qualsiasi titolo o altro. Sto cercando di essere in sintonia con il mio corpo il più possibile".

“Speriamo tutti che arrivi la fine per il Covid”

vedi anche

Covid in Italia e nel mondo, le news di oggi 15 febbraio

Djokovic ha affermato anche di essere stato "sempre un grande studente di benessere, salute, nutrizione" e che la sua decisione è stata in parte influenzata dall'impatto positivo che fattori come il cambiamento della sua dieta e dei suoi schemi di sonno hanno avuto sulle sue capacità di atleta. Il serbo ha inoltre detto che stava "tenendo la sua mente aperta" sulla possibilità di essere vaccinato in futuro, "perché stiamo tutti cercando di trovare collettivamente la migliore soluzione possibile per porre fine al Covid". "Non sono mai stato contrario alla vaccinazione. Capisco che a livello globale, tutti stanno cercando di fare un grande sforzo per gestire questo virus e vedere, si spera, una fine presto a questo virus".

Un frame dell'intervista di Djokovic alla Bbc

Sport: I più letti