Dave Gahan, il frontman dei Depeche Mode compie 60 anni: le cose da sapere su di lui

Approfondimenti
Ipa/Ansa

Nato a Epping, nell’Essex britannico, il 9 maggio 1962 ha avuto un’infanzia difficile e un'adolescenza ribelle. Dall’inizio degli anni ’80 è diventato il magnetico frontman di una delle band simbolo della new wave e del synthpop. Tra successo planetario, tour indimenticabili e problemi di salute, ha da poco festeggiato i 40 anni di carriera alle spalle. Ecco tutte le curiosità sul cantante 

Dave Gahan, il cantante dei Depeche Mode, è uno dei frontman più amati nel panorama musicale internazionale. Nato a Epping, nell’Essex britannico, il 9 maggio 1962, oggi compie 60 anni. All'anagrafe si chiama David Callcott e da più di 40 anni incendia le folle con la sua presenza scenica sul palco e con l’inconfondibile voce baritonale profonda. Nonostante il compagno di band Martin Gore continui ad essere l'autore principale dei Depeche Mode, anche Gahan ha contribuito con una serie di canzoni in diversi album. Negli ultimi anni ha anche realizzato dischi da solista e in collaborazione con i Soulsavers. Ecco cosa c’è da sapere su uno degli artisti musicali più iconici del pianeta. 

L’infanzia e la gioventù ribelle

approfondimento

Rock and Roll Hall of Fame: gli artisti più famosi in lista

Gahan proviene da una famiglia della classe operaia, entrambi i genitori erano autisti di autobus e divorziarono quando lui era molto piccolo. La madre si è risposata e Dave ha sempre considerato il patrigno come il suo vero padre, di cui ha preso anche il cognome gallese. Ma l’uomo è morto pochi anni dopo. Gahan ha avuto un’adolescenza ribelle, finendo tre volte davanti alla corte del tribunale per minorenni per reati che andavano dal vandalismo al furto d’auto. "Ero piuttosto selvaggio. Adoravo l'eccitazione di rubare un motore, strillare ed essere inseguito dalla polizia”, dirà poi di quel periodo. Passava da un lavoretto saltuario all’altro, vivendo da vicino l’esplosione del movimento punk.

La nascita dei Depeche Mode

approfondimento

Depeche Mode, la storia della band inglese

Già al liceo Gahan ha incontrato Martin Gore e Andy Fletcher, suoi futuri compagni di band. Nel 1980 ha conosciuto Vince Clarke, che suonava proprio con Gore e Fletcher nei Composition of Sound. Clarke nota Gahan in un club mentre interpreta Heroes di Bowie e gli propone di unirsi alla sua band come frontman. Gahan accetta e suggerisce un nuovo nome, ispirato da una rivista di moda. Nascono così i Depeche Mode.

Cosa hanno significato i Depeche Mode

La band di Gahan è stata una delle pioniere della new wave e del synthpop dei primi anni ’80. Hanno pubblicato 14 album in studio, quattro compilation e due album di remix. La band ha raggiunto vendite globali superiori a 100 milioni di dischi. Il successo è arrivato già dal primo album, Speak & Spell, del 1981. Con Violator, nel 1990, hanno conquistato il mondo, grazie ai singoli Personal Jesus e Enjoy the Silence. Una svolta più sperimentale si è avuta con il successivo Songs of Faith and Devotion (1993). Dopo Exciter, album del 2001, Gahan ha preteso di scrivere metà delle canzoni del disco seguente, minacciando di abbandonare la band in caso di un rifiuto. Alla fine si è accontentato di 3 brani e questa consuetudine è rimasta anche nei successivi lavori della band.

Dave Gahan come solista

vedi anche

Dave Gahan & Soulsavers, è il giorno di Imposter

Nel 2003, Gahan ha pubblicato il suo primo album da solista, Paper Monsters (che ha scritto insieme al polistrumentista e amico Knox Chandler), seguito dal Paper Monsters Tour (inclusa un'esibizione al Glastonbury Festival del 2003). L’album ha avuto un buon successo. Nel 2007 è uscito il secondo disco solista, chiamato Hourglass, che è stato ben accolto da critica e pubblico. Negli ultimi anni Gahan ha collaborato con i Soulsavers in tre album (The Light the Dead Sea del 2012, Angels & Ghosts del 2015, Imposter del 2021 con cover di altri artisti).

Gahan e le sue ispirazioni

Negli anni, Gahan ha spiegato di essere stato influenzato per la sua presenza scenica sul palco da Dave Vanian, frontman dei Damned. Ma sue ispirazioni sono stati anche David Bowie, James Brown, Elvis Presley e Prince. Nella fase iniziale della carriera Gahan era impacciato e solo dopo decine di esibizioni dal vivo ha modellato il suo stile di performer carismatico e magnetico. Molte riviste di settore l’hanno inserito nelle loro classifiche dei migliori cantanti o frontman di tutti i tempi. E la sua presenza on stage non è passata inosservata nemmeno a un occhio attento come quello di Quentin Tarantino. Gahan ha svelato che fu contattato dal regista per recitare una parte in Pulp Fiction (nel ruolo che poi invece è andato a Tim Roth).

La famiglia

vedi anche

Depeche Mode: le canzoni più famose della loro carriera

Dave Gahan è stato sposato dal 1985 al 1987 con Joanne Fox, da cui ha avuto un figlio, Jack. Il secondo matrimonio è stato nel 1991 con Theresa Conroy, la press-agent dell’epoca della band. Sono stati insieme quattro anni e lui si è trasferito a Los Angeles per stare con la moglie. Dal 1997 vive invece a New York e mentre era in un centro di recupero ha conosciuto la sua terza e attuale moglie, Jennifer Sklias (che non sapeva chi fossero i Depeche Mode). La coppia si è sposata nel 1999 e ha avuto una bambina, Stella Rose. Più di recente, nel 2010, Gahan ha anche adottato Jimmy, il figlio avuto dalla Sklias durante una precedente relazione. Dal punto di vista spirituale, il cantante è un convertito alla Chiesa greco-ortodossa.

La salute di Dave Gahan

leggi anche

Depeche Mode: malore per Dave Gahan, cancellata la data di Minsk

Sin dall’inizio della carriera Gahan è stato dipendente dal consumo di droghe, in particolare eroina. Nel periodo dopo il successo di Violator e del trasferimento a Los Angeles ha perso il controllo: nel ’93 ha avuto un lieve infarto indotto da farmaci durante un'esibizione a New Orleans, poi ha tentato il suicidio tagliandosi i polsi. Il 28 maggio 1996 è andato in overdose da speedball (un mix cocaina-eroina) in California ed è rimasto clinicamente morto per alcuni minuti, prima che i soccorritori riuscissero a rianimarlo. I paramedici di L.A. l’hanno ribattezzato  "The Cat” per la sua capacità di sopravvivere alla morte. A quel punto Gahan, su cui pendevano anche capi d'imputazione che potevano costargli l’espulsione dagli Usa, ha deciso di disintossicarsi definitivamente cercando aiuto in un centro di riabilitazione. Nel 2009, invece, il cantante è stato portato in ospedale prima di un concerto ad Atene. Si pensava a un attacco di gastroenterite ma un'ecografia ha rivelato un tumore maligno alla vescica, che è stato rimosso con successo. 

Spettacolo: Per te