Medicine at Midnight, il nuovo album dei Foo Fighters in uscita il 5 febbraio

Musica

Tutto pronto per il nuovo album del gruppo fondato da Dave Grohl. Estratti già tre singoli: “Shame shame”, “No Son of mine” e “Waiting on a war” 

Nove tracce per 37 minuti di nuovo musica per i Foo Fighters (le migliori canzoni), pronti a pubblicare “Medicine At Midnight” disponibile dal 5 febbraio 2021. Il gruppo di Dave Grohl ha già fatto conoscere tre delle nove canzoni presenti pubblicando il singolo “Shame Shame” a novembre, “No Son of Mine” nel primo giorno del 2021 e il 14 gennaio “Waiting on a War”. Prodotto da Greg Kurstin e dai Foo Fighters, registrato da Darrell Thorp e mixato da Mark “Spike” Stent, “Medicine At Midnight” è il decimo album in studio del gruppo ed è stato “pensato per essere l'album della festa del sabato sera. È Sly & The Family Stone, ma risuonati in stile Foo Fighters", hanno spiegato i membri del gruppo. “Il disco è molto bello, non vediamo l’ora che la gente lo senta e di presentarlo dal vivo. È pieno di canzoni rock da cantare. È un po’ come un album dance, ma non EDM. Ha ritmo. Per me, è il nostro 'Let’s dance' di David Bowie. È quello che volevamo fare, volevamo fare un disco molto divertente”.

La tracklist di “Medicine at Midnight”

approfondimento

25 anni dei Foo Fighters, la collezione di scarpe Vans a loro dedicata

Questa la tracklist di “Medicine at Midnight”:

  1. Making a Fire
  2. Shame Shame
  3. Cloudspotter
  4. Waiting on a War
  5. Medicine at Midnight
  6. No Son of Mine
  7. Holding Poison
  8. Chasing Birds
  9. Love Dies Young

Inizialmente il nuovo album doveva essere pubblicato nel 2020 per celebrare il 25 ° anniversario dei Foo Fighters. "Abbiamo iniziato le registrazioni credo verso a settembre dello scorso anno e lo abbiamo terminato tra gennaio e febbraio. Era tutto fatto: mixato, masterizzato e pronti per partire. Era tutto delineato, le magliette erano già pronte e le attrezzature erano sui camion. Eravamo a posto. Ma poi è saltato tutto" ha spiegato Grohl durante un’intervista rilasciata per l'emittente di New York Q104.3. Per la registrazione delle canzoni, i Foo Fighters hanno affittato una vecchia casa abbandonata degli anni quaranta, trasformandola in uno studio di registrazione.

Alcune curiosità di “Medicine at Midnight”

approfondimento

Dave Grohl, le toccanti parole sul giorno in cui torneranno i concerti

Durante l’intervista Dave Grohl ha anche rivelato alcuni dettagli sulla lavorazione di “Medicine at Midnight”: "Ci siamo trasferiti in questa vecchia casa funky nel mio quartiere. Ho costruito uno studio nella camera da letto al piano di sopra. Poi ho registrato la batteria in soggiorno e le chitarre in camera da letto. Ma ho registrato le voci in bagno!”. Contrariamente alle sessioni del precedente “Concrete e Gold”, che spesso si concludevano con notti di grandi grigliate, bevute e feste, le sessioni di registrazione di “Medicine at Midnight” sono state concluse il più rapidamente possibile. Secondo il gruppo il motivo è attribuibile a due cose: il materiale era lavorato rapidamente e soprattutto perché stavano registrando in un ambiente in cui continuavano a succedere cose strane.

Dave Grohl ha sottolineato che nell’album è stato utilizzato un loop di batteria, un altro tratto atipico per la band. Una canzone dell'album inoltre contiene un riff di chitarra che il frontman scrisse 25 anni fa a Seattle, ma non è mai riuscito a trovare una canzone in cui usarla fino ad ora.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.