Hopper-Welles, incontro tra titani nel nome del Cinema

Cinema

Giuseppe Pastore

dennis-hopper

Fuori concorso a Venezia questo reperto storico del 1970 riportato alla luce e restaurato dal regista polacco: un confronto generazionale tra l'autore di "Easy Rider" e la leggenda di "Quarto Potere"

Nell'estate del 1970 l'emergente Dennis Hopper, uno dei registi americani più discussi del momento dopo l'exploit di Easy Rider, invita a cena in un ristorante di Beverly Hills il monumento vivente Orson Welles. Questo è il filmato di quella cena (LO SPECIALE FESTIVAL DI VENEZIA - I VIDEO).

approfondimento

Venezia 2020, il trionfo del bianco e nero sul red carpet delle star

Cinquant'anni dopo i fatti, il regista e produttore polacco Filip Jan Rymsza si è incaricato di riportare alla luce e restaurare un documento certamente bizzarro e altrettanto certamente imperdibile per gli appassionati di cinema (e non solo). Si confrontano in bianco e nero due mondi paralleli, due pianeti di due sistemi solari lontanissimi: il nervoso e irregolare Dennis Hopper, portavoce della contestazione e dello scontento generazionale, dalla carriera in rapidissima discesa (ma quella sera lui non può nemmeno sospettarlo), contro la quercia Orson Welles, sardonico, sarcastico, lucidissimo (ancorché presente solo in voce: in viso non lo vedremo mai, né lo sentiremo mai scendere nel dettaglio delle sue opere). L'effetto è straniante, più simile a una seduta di analisi che una chiacchierata tra amici: con il suo profondo vocione, Welles accresce la sensazione di essere una specie di Dio del cinema chiamato a giudicare il 34enne Hopper, svelandone le reticenze, le contraddizioni e anche qualche carenza non solo di memoria (per esempio quando confonde I Vitelloni di Fellini con Umberto D. di De Sica). Hopper non ha la forza e le capacità persuasive di fare lo stesso col suo interlocutore. Si parla molto di cinema, anche italiano (e si scopre per esempio che Orson Welles non amava particolarmente Antonioni), e i dialoghi fluviali trascinano a riva qualche perla memorabile, come per esempio quando Welles tratta con disprezzo la figura del montatore o racconta il rapporto con le sue opere in sala di montaggio: "Sono nemico dei miei film, non provo nessun affetto per loro".

 

Le altre recensioni
Lacci
Mila
Amants
Quo Vadis, Aida?
The Human Voice

Padrenostro
The Duke

The Man Who Sold His Skin
Miss Marx
The World to Come
Cari compagni

One Night in Miami
Narciso em Fèrias

Notturno

Spettacolo: Per te