Spencer, la recensione del film su Lady Diana con Kristen Stewart

Cinema

Paolo Nizza

Una straordinaria Kristen Stewart, candidata agli Oscar come miglior attrice protagonista, veste i panni della Principessa del Galles nel biopic ambientato nel dicembre del  1993, l'ultimo Natale che Diana Spencer trascorse insieme al Principe Carlo.

Una favola tratta da una tragedia vera. Di questo parla Spencer, presentato in concorso alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia  ( LO SPECIALE). Un film fatto della materia di cui sono fatti i sogni. E pure gli incubi. Certo, la pellicola parte dalla realtà, perché come insegna il principe Amleto “ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante tu ne possa sognare nella tua filosofia”. Ma a differenza della celeberrima opera di William Shakespeare, questa volta la protagonista è una principessa, nello specifico del Galles. E il marcio non è in Danimarca, ma a Sandringham House, la residenza di campagna della casa reale inglese situata nella contea di Norfolk. La pellicola, infatti, narra miscelando realtà e finzione le giornate del 24, 25 e 26 dicembre del 1993, ovvero il momento in cui Lady Diana Spencer decise di divorziare dal principe Carlo..

 

Kristen Stewart una perfetta Lady Diana Spencer

approfondimento

Spencer, svelata la nuova data di uscita del film con Kristen Stewart

Spencer è una sorta di One-Woman-Show. Tutto ciò che vediamo sullo schermo viene filtrato dallo sguardo dolente di Lady D. Una donna sola. Una moglie tradita. Una principessa triste. Sin dalle prime immagini del film, la macchina da presa documenta le peregrinazioni di un’anima che si è perduta e che non si sa più chi sia. E Kristen Stewart risulta assolutamente credibile in un ruolo niente affatto semplice (guarda l'intervista). L’attrice americana diverte ed emoziona quando dialoga con il fantasma di Anna Bolena, regina d’Inghilterra a cui Enrico VIII fece tagliare la testa, insomma, una sorta, di doppelganger di Lady D.  Con equilibrio e partecipazione l’ Ex “Bella” della saga di Twilight mette in scena la bulimia e i disturbi alimentari di cui soffriva Lady D. Ed è altrettanto convincente nei rarissimi momenti di felicità trascorsi con Harry e William.

approfondimento

Notte degli Oscar 2022, tutto quello che sappiamo

Kristen Stewart , grazie a questa interpretazione  è stata apprezzata dal pubblico e dalla critica di tutto il mondo , Una performance e che le ha consegnato la prima nomination agli Academy Award (LO SPECIALE OSCAR) come migliore attrice protagonista, oltre alle candidature al Golden Globe, ai Bafta e ai Critics’ Choice Awards. “Durante le riprese lei mi faceva paura - ricorda Larraín - non perché somigliasse smaccatamente a Diana, ma perché era una creatura pura, innocente, totalmente immersa nel suo personaggio, ad un livello emotivo così profondo da raggiungere una verità al tempo stesso splendida e spaventosa

Lady D Spencer, una vita per nulla da Favola

approfondimento

Spencer, svelato il poster del film su Lady Diana con Kristen Stewart

La scelta azzeccata di Pablo Larrain, che già con il biopic Jackie aveva rappresentato una personalità femminile determinante del 20° secolo, è quella di trasfigurare la residenza di Sandringham in una prigione e nemmeno troppo dorata. Lo Chef e la sua brigata, impegnati nei menù natalizi non sono molto diversi dai militari durante le grandi Manovre. Una schidionata di orari da rispettare, abiti da indossare, rituali da seguire trasformano  le giornate di festa in un inferno di campagna. In fondo, Diana Spencer è simile ai fagiani a cui i reali inglesi danno la caccia. Una specie di selvaggina di passo, impallinata da balzane cerimonie, occhiute domestiche, foto di famiglia e parenti assai serpenti. Si muore di freddo in quella dimora per nulla festosa. E si muore dentro, magari rimettendo l’anima in bagno. Non esiste futuro in questo mondo obnubilato dalle etichette, ma solo un presente identico al passato. E alla fine, per una regina inglese la sola cosa importante è la faccia che avrai stampata sulla banconota. Sei solo una valuta, per di più con una vita davvero svalutata.

Spencer, una principessa alla ricerca di se stessa

approfondimento

Lady Diana moriva 24 anni fa, ecco le attrici che l'hanno interpretata

Quindi, non è una favola a lieto la fine la vita di una futura sovrana. La bellezza è solo un indumento.  E quello che devi fare è rimanere immobile e sorridere, come se ti trovassi in un campo di mine. Sicché alla fine, Diana Spencer trova aiuto nei ricordi di infanzia, nello spaventapasseri agghindato con la giacca di suo padre. A volte i dettagli più insignificanti sparigliano le carte e ti rendono la libertà. Se Guglielmo fu definito il conquistatore ed Elisabetta la Vergine,  Lady Diana verrà chiamata la pazza o la sconvolta. Eppure, bastano l’amore, uno shock e una risata per aprire le tende, affacciarsi al mondo. L’importante è buttare alle ortiche la collana di perle, identica a quella che il principe Carlo ha regalato alla sua amante. Liberarsi del collare da slave, del giogo e annegare i dispiaceri in una bibita gasata e nel pollo fritto di un Fast Food. Spencer è l’elogio della classe media, di chi va a vedere i miserabili e il Fantasma dell’opera. Perché l’importante per una principessa è tornare a casa, non è importante che sia una reggia. Ciò che conta è che tu, tra quelle pareti, possa essere finalmente te stessa.

Spencer, la trama del film

approfondimento

Dio Salvi la Regina! Elisabetta II tra realtà e fiction

Il matrimonio fra la Principessa Diana e il Principe Carlo è in crisi da tempo. Malgrado le voci di presunti flirt e di un imminente divorzio, si cerca di preservare la pace in vista delle festività natalizie, tradizionalmente trascorse dai reali nella proprietà di Sandringham.  Sono giorni in cui si mangia, si beve, si spara e si va a caccia. Diana conosce le regole del gioco. Ma quest’anno non sarà come gli altri.  Spencer immagina ciò che potrebbe essere successo in quei pochi, fatidici giorni. 

Spettacolo: Per te