Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Scoperta la stella di neutroni più densa mai misurata nel cosmo

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 17/9

3' di lettura

Il merito va agli astronomi della West Virginia University che, nel corso di alcune osservazioni nell'ambito di una ricerca sulle onde gravitazionali, si sono imbattuti in una pulsar con una massa grande 2,17 volte il Sole 

Una stella di neutroni localizzata a circa 4.600 anni luce dalla Terra che, in un diametro di soli 30 chilometri, racchiude una massa grande 2,17 volte il Sole, cioè 333.000 volte la massa della Terra. Si tratta del corpo celeste più denso del cosmo e a scoprirlo sono stati i ricercatori della West Virginia University che hanno così contribuito a rilevare la stella di neutroni più massiccia fino ad oggi mai misurata, grazie all’utilizzo del Green Bank Telescope.

Le caratteristiche della stella e della scoperta

La stella di neutroni, chiamata J0740 + 6620, è in pratica una pulsar a rotazione rapida le cui dimensioni particolarmente importanti spiegano il motivo per cui questo corpo celeste possa essere così massiccio e compatto senza frantumarsi in un buco nero. I risultati della scoperta, ottenuti dal NANOGrav Physics Frontiers Center sono stati analizzati e pubblicati in un articolo presente sulla rivista Nature Astronomy. Gli autori della scoperta, raccontando i dettagli dell’operazione in cui sono stati coinvolti, hanno raccontato che la rilevazione di questa stella di neutroni è uno dei tanti risultati fortuiti, così come ammesso anche da Maura McLaughlin, professoressa di Fisica e Astronomia e uno degli autori dell’articolo, emersi durante osservazioni di routine coinvolte nell'ambito di una ricerca sulle onde gravitazionali. "Grazie all’utilizzo del Green Bank Telescope, stiamo cercando di rilevare le onde gravitazionali dalle pulsar", ha detto l’esperta. “Per fare ciò, dobbiamo osservare le cosiddette pulsar millisecondi, che sono stelle di neutroni che ruotano molto rapidamente. Questa scoperta non va inserita nell’ambito del rilevamento delle onde gravitazionali, ma si tratta di uno dei molti risultati importanti che sono sorti dalle nostre osservazioni", ha specificato.

Cosa sono le pulsar

Come si può leggere sul sito dell’ateneo americano, le stelle di neutroni sono i resti compressi di enormi stelle divenute supernova. Sono create quando le stelle giganti muoiono nelle supernove e i loro nuclei collassano, con i protoni e gli elettroni che si fondono l'uno nell'altro per formare neutroni. Le pulsar devono il loro nome alle onde radio che emettono dai loro poli magnetici. Questi raggi attraversano lo spazio in modo simile a un faro e alcune ruotano centinaia di volte al secondo. Poiché le pulsar ruotano con una velocità e una regolarità così importanti, gli astronomi spesso le considerano come l'equivalente cosmico degli orologi atomici. Questo preciso cronometraggio aiuta gli esperti a studiare la natura dello spaziotempo, misurare le masse di oggetti stellari e migliorare la loro comprensione della relatività generale. Per capire quanto la massa della stella di neutroni scoperta sia imponente, basti pensare che cubo di zucchero composto dal materiale di una stella di neutroni peserebbe 100 milioni di tonnellate sulla Terra.  

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"