Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Space X, domani il lancio di Falcon 9

I titoli di Sky Tg24 delle ore 13 del 3/5

2' di lettura

L’inizio della 17a missione di rifornimento commerciale CRS-17 è stato rinviato alle ore 8:48 di sabato 4 maggio 

Il lancio della capsula Dragon di SpaceX, che porterà in orbita i rifornimenti riservati alla Stazione Spaziale Internazionale (Iss), è stato nuovamente rimandato ed è ora previsto per il 4 maggio alle 8:48 (ora italiana). A differenza dei rinvii precedenti, dovuti alla posizione della Iss, l’ultimo è stato causato da un problema al sistema di alimentazione elettrica della piattaforma robotica nell’Oceano Atlantico, destinata all’atterraggio del razzo Falcon 9. Il lancio, previsto per le 9:11 dalla base di Cape Canaveral, è stato annullato alle 9:10. Su Twitter, SpaceX ha spiegato che il rinvio si è reso necessario a causa di “un problema del sistema elettrico della nave” che i tecnici cercheranno di risolvere entro domani, assieme a una perdita di elio. È la quarta volta in cui l’inizio della 17a missione di rifornimento commerciale CRS-17 viene rimandato.

Il contenuto della capsula Dragon

Se il lancio del 4 maggio andrà a buon fine, la capsula Dragon dovrebbe riuscire a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale entro il 6 maggio. A bordo del cargo sono presenti numerosi rifornimenti, materiali di ricambio ed esperimenti scientifici, per un peso totale di circa 2,5 tonnellate. Tra gli oggetti più preziosi che Dragon porterà all’equipaggio della Iss è possibile elencare gli organi su chip, dei piccoli dispositivi su sui sono state coltivate delle cellule umane in una matrice 3D: sulla stazione orbitale sarà possibile studiare le loro reazioni in condizioni di microgravità e capire come invecchia il corpo umano nello spazio. Sono stati realizzati dai ricercatori del National Institutes of Health (Nih), in collaborazione con la Nasa, e riproducono le ossa, i reni, il midollo osseo, la cartilagine e la barriera emato-encefalica. Lucie Low, studiosa dei Nih, spiega che i dispositivi riproducono fedelmente la struttura e la funzione di tessuti e organi del corpo umano e hanno delle dimensioni equiparabili a quelle di una chiavetta USB. Sul cargo sono presenti anche delle cellule di lievito modificate tramite la tecnica Crispr: sono state realizzate dagli studenti che hanno partecipato al contest Genes in Space. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"