Antartide, esplosione ghiaccio marino può avere innescato era glaciale

Scienze

L’ipotesi arriva dagli scienziati dell’Università di Chicago. Uno studio che, come sottolineano i ricercatori, non prefigura un prossimo fenomeno analogo, ma che può servire a tracciarne i cicli 

Un aumento del ghiaccio marino in Antartide potrebbe essere stata la causa scatenante dell'era glaciale. L’ipotesi è stata lanciata da un gruppo di scienziati dell'Università di Chicago, che hanno condotto una serie di simulazioni al computer e pubblicato un articolo dettagliato sulla rivista ‘Nature Geoscience’. Stando a quanto ottenuto dal loro studio è emerso che, qualora si accumulasse ghiaccio marino in Antartide, si potrebbe creare una specie di coperchio sull'oceano. Quest’ultimo, con la sua presenza, bloccherebbe lo scambio di anidride carbonica con l'atmosfera e darebbe il via ad un effetto serra al contrario, con la conseguenza di raffreddare la Terra e far entrare il pianeta in un era glaciale, come quella che si è verificata oltre due milioni di anni fa, nel corso dell'era pleistocenica. Il che non significa che questo sia uno scenario imminente, come riportato nel titolo e nella prima versione di questo articolo sulla base di lanci di agenzie di stampa.

I meccanismi della glaciazione

Da anni, dicono gli scienziati americani in un articolo apparso sul sito dell’ateneo di Chicago, è chiaro che il clima della Terra è come una gigantesca macchina in cui si tira una leva e una nutrita serie di eventi inizia a verificarsi. Eppure molti dei passaggi che riguardano questi avvenimenti sono rimasti avvolti dall'incertezza. “Una domanda chiave in questo campo è quella che riguarda i motivi che hanno coinvolto la Terra ad entrare e uscire periodicamente dalle ere glaciali", ha detto il professor Malte Jansen, uno degli autori della ricerca. Lo scienziato, con l’ausilio dell'ex ricercatrice post dottorato Alice Marzocchi, ha cercato di dare delle risposte illustrando come un cambiamento climatico iniziale possa inscenare una catena di eventi che porta a un'era glaciale. “Siamo attualmente in una pausa tra ere glaciali: negli ultimi due milioni e mezzo di anni, i ghiacciai hanno periodicamente coperto la Terra e poi si sono ritirati”, dicono gli esperti. Gli scienziati americani, così, hanno messo insieme indizi su come funzioni questo processo di glaciazione e su come si sia innescato. È probabile che lievi modifiche all'orbita terrestre abbiano portato ad un certo raffreddamento. Ma questo motivo da solo non basterebbe a dare delle spiegazioni plausibili.

Lo scambio di carbonio tra atmosfera e oceano

"La spiegazione più plausibile è che ci sia stato qualche cambiamento nelle modalità di scambio del carbonio tra l'atmosfera e l'oceano", ha detto Jansen. Nella sua ipotesi, l'atmosfera si raffredda abbastanza da favorire la nascita del ghiaccio marino antartico. "L'Oceano Antartico intorno all'Antartide svolge un ruolo chiave nella circolazione oceanica, in quanto è una regione in cui le acque profonde salgono in superficie prima di scomparire di nuovo nell'abisso", ha detto Jansen. "Di conseguenza, l'aumento del ghiaccio marino antartico ha conseguenze fuori misura", come quella di creare un coperchio di ghiaccio che cambia la circolazione oceanica, ma blocca anche fisicamente l'oceano nello scambio di anidride carbonica con l'atmosfera. Ciò significa che sempre più carbonio viene attirato nell'oceano profondo e rimane lì. E una minore quantità di anidride carbonica nell'atmosfera porterebbe ad un effetto serra inverso, facendo raffreddare il pianeta. "Ciò suggerisce che quando la temperatura diminuisce, viene rilasciato meno carbonio nell'atmosfera, che provoca un maggiore raffreddamento", spiegano i ricercatori.

Il ruolo degli oceani

In sostanza, i risultati di questa ricerca sono un altro passo verso la comprensione di come funziona il clima della Terra su lunghe scale temporali, hanno detto gli scienziati. "L'oceano è il più grande serbatoio di carbonio nel corso dei tempi geologici", ha detto la Marzocchi. "Studiare il ruolo che l'oceano svolge nel ciclo del carbonio ci aiuta a simulare in modo più accurato i futuri cambiamenti ambientali".  

Non è imminente una nuova era glaciale

Uno studio che ha indotto alcune agenzie di stampa ad avanzare l'ipotesi di una possibile prossima era glaciale. Scenario riportato anche nel titolo e nella prima versione di questo articolo. A intervenire a spiegare la questione e a togliere dal campo l'evenienza è la stessa Marzocchi, con un tweet inviato al Daily Mail e riferito ad altre fonti di stampa. Secondo la ricercatrice lo studio non presenta infatti assolutamente come uno scenario possibile il fatto di essere in procinto di fronteggiare una nuova era glaciale come quella di millenni fa, ma solo che i ghiacci di quella regione possono essere utili a tracciarne i cicli. 

La ricercatrice a Sky TG24: meccanismi relativi a cambiamenti climatici passati

"I meccanismi che descriviamo sono relativi a cambiamenti climatici passati, ciclici (transizioni fra periodi glaciali ed interglaciali – al presente siamo in un interglaciale), ed esaminiamo il ruolo che ha l’oceano in queste transizioni, visto che è il più grande serbatoio di carbonio" - Alice Marzocchi, contattata da Sky TG24, spiega così l'equivoco - ".In particolare, il ghiaccio marino ha un impatto fondamentale, a quanto risulta dalle nostre simulazioni, nel tenere il carbonio lontano dall’atmosfera riducendo lo scambio in superficie e innescando cambiamenti nella circolazione oceanica stessa. Ma ribadisco nuovamente che questo non ha nulla a che vedere con l’arrivo di un’era glaciale, I processi a cui ci riferiamo sono relative all’ultimo periodi glaciale (circa 20,000 anni fa)".

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24