Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Dolore cronico, in Italia ne soffrono 16 milioni di persone

Mal di testa (Getty Images)
2' di lettura

Più della metà dei soggetti soffre di mal di schiena e altri dolori diffusi. Il 25% convive con il dolore nonostante le cure e a risentirne è la qualità della vita 

Il dolore cronico benigno è un problema che attanaglia ben 16 milioni di Italiani. Di questi, più della metà soffre di mal di schiena, mentre molti sono alle prese con cefalea, nevralgie del trigemino e artrosi. Inoltre, il 25% dei soggetti, nonostante le cure, continua a convivere con il dolore a causa di trattamenti errati, andando così a incidere in negativo sulla qualità della vita. Sono i dati esposti dagli esperti che partecipano al quinto International Theras Day, in programma per mercoledì 30 e giovedì 31 gennaio a Milano.

Antinfiammatori sono il primo rimedio in Italia

Secondo i dati presentati, a soffrire maggiormente di mal di testa e dolori diffusi sono le donne con età compresa tra i 35 e i 50 anni, il cui primo rimedio sono i farmaci antinfiammatori non steroidei. In Italia, nel 68% dei casi il dolore viene controllato attraverso questi medicinali, dei quali ogni anno vengono consumate 43 milioni di confezioni, mentre in Europa la media si aggira intorno al 44%. In termini di denaro, il dolore cronico si traduce in un costo annuale di 4.556 euro per paziente imputabile ad assenze da lavoro, 1.400 quelli a carico del Sistema Sanitario Nazionale. "Purtroppo il dolore viene sopportato in quasi un terzo dei casi (29%) oppure curato con antidolorifici non specifici (23%)", spiega Giuliano De Carolis, Presidente Federdolore-SICD (Società Italiana Clinici del Dolore), il quale specifica che i "tentativi di trovare nuove strade farmacologiche non hanno sempre successo e il paziente stesso, scoraggiato, non crede più a soluzioni".

La neurostimolazione come soluzione al dolore

Altri rimedi, però, esistono: “La nuova frontiera è la neurostimolazione, ancora poco diffusa e praticata in Italia, con cui gli impulsi elettrici calmano i nervi e riducono i segnali di dolore al cervello”, illustra ancora De Carolis.
Un’altra strada per porre fine ai dolori è la chirurgia, con un intervento poco invasivo a livello midollare per impiantare un piccolo dispositivo che rilascia in sicurezza lievi impulsi elettrici ai nervi (Stimolazione del Midollo Spinale - SCS), interrompendo o riducendo la trasmissione dei segnali del dolore al cervello. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"