Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Nell’olio d’oliva un alleato contro obesità infantile e fegato grasso

Foto di archivio (ANSA)
1' di lettura

Secondo i medici del Bambino Gesù, l’idrossitirosolo, un fenolo dell’olio d’oliva, aiuterebbe a migliorare lo stress ossidativo, l'insulino resistenza e la steatosi epatica nei più giovani 

Secondo uno studio condotto da medici e ricercatori dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e pubblicato sulla rivista Antioxidant and Redox Signaling, l’olio d’oliva rappresenterebbe un rimedio naturale per contrastare l’obesità e il fegato grasso nei bambini e negli adolescenti. Il pregiato alimento, infatti, contiene idrossitirosolo, una sostanza che, come spiegano gli autori della ricerca, migliora lo stress ossidativo, l'insulino resistenza e la steatosi epatica negli individui più giovani affetti da problemi di peso.

In Italia 15% dei bambini affetto da fegato grasso

L'obesità è uno dei principali problemi mondiali che colpisce sia i bambini che gli adolescenti. Negli ultimi anni, il suo aumento nei paesi industrializzati ha portato alla parallela crescita dei casi di fegato grasso - o steatosi epatica non alcolica (NAFLD) - in individui al di sotto dei 18 anni di età. Dalla fine degli anni ’90 ad oggi, infatti, la steatosi ha raggiunto proporzioni epidemiche anche tra i più piccoli ed è diventata la patologia cronica del fegato diagnosticata più frequentemente in Occidente. Solo in Italia si stima che ne sia affetto circa il 15% dei bambini, ma si arriva fino all'80% tra i bambini obesi. Tra le cause del fegato grasso c'è l'aumento dello stress ossidativo subito dalle cellule come conseguenza dell'obesità.

Elevato potere antiossidante

Coadiuvati dagli esperti del dipartimento di chimica, biologia e farmacologia dell'Università di Messina, i medici del Bambino Gesù hanno effettuato il primo trial pediatrico con l'uso dell'idrossitirosolo, un fenolo dell'olio di oliva caratterizzato da un elevato potere antiossidante. Tuttavia, per ottenere l’effetto desiderato, sarebbe necessario usare ingenti quantità di olio d’oliva, col serio rischio di indurre il paziente all’obesità, in quanto si tratta di una sostanza molto calorica, ma al giorno d’oggi, grazie ai progressi della tecnologia farmaceutica, è possibile estrarre solo gli agenti antiossidanti dell’olio, ottenendone i benefici.
"Questi prodotti assolutamente naturali - spiega Valerio Nobili, responsabile di epatologia, gastroenterologia e nutrizione del Bambino Gesù - possono essere integrati nella dieta dei bambini obesi per combattere le complicanze dell'obesità come lo stress ossidativo (invecchiamento cellulare, danno delle pareti delle arterie e vene) l'insulino resistenza e la steatosi epatica”.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"