La vitamina C aiuta a evitare il raffreddore?

Arance (Getty Images)
1' di lettura

Alcuni studi hanno parzialmente smentito, ma chi ne assume almeno 200 grammi al giorno può godere di un recupero più veloce dalla malattia 

Durante l'autunno e l'inverno non è raro ricevere il suggerimento di bere tante spremute di succo d'arancia per diminuire il rischio di prendere un raffreddore. Sembra infatti che la vitamina C contenuta all'interno degli agrumi e di molti altri frutti sia in grado di migliorare le possibilità di evitare i malanni di stagione. Ma è davvero così?
Sono stati condotti trenta studi sul rapporto tra l'assunzione di vitamina C e il raffreddore ed è stato dimostrato come la sua assimilazione non influenzi in alcun modo l'intensità della malattia e il numero di volte in cui si manifesta nel corso dell'anno. L'unico parametro che viene influenzato è la durata del malanno. Chi assume regolarmente almeno 200 grammi di vitamina C al giorno guarisce più in fretta di chi inizia a prenderla dopo che si sono manifestati i primi sintomi del raffreddore. Si tratta però di differenze trascurabili, pari a circa mezza giornata per gli adulti e un giorno per i bambini. Anche il tempo trascorso lontano da scuola o dal posto di lavoro è leggermente inferiore.

Gli integratori di vitamina C

Chi fa ricorso a degli integratori di vitamina C deve prestare attenzione, perché possono aumentare il rischio di calcoli renali negli uomini e non dovrebbero essere assunti da chi soffre di Emocromatosi, in quanto incrementano l'assorbimento del ferro.
Per le persone iperattive, come i maratoneti e i soldati, assumere vitamina C riduce della metà il rischio di un intasamento delle vie respiratorie.
Alcuni studi hanno inoltre dimostrato che 200 grammi di vitamina C al giorno possono aiutare i malati di polmonite a evitare il raffreddore.

Lo zinco

Oltre alla vitamina C, esistono altre sostanze comunemente associate alla lotta contro il raffreddore. Una di esse è lo zinco e in effetti chi ne assume almeno 75 grammi entro 24 ore dal manifestarsi dei primi sintomi della malattia può ridurne la durata di circa due giorni. Non è invece utile a prevenire l'insorgere del malanno.
Un altro test ha calcolato la frequenza del raffreddore di un gruppo di persone che ha mangiato aglio per 12 giorni e di un secondo gruppo che nello stesso periodo di tempo ha assunto un placebo. I risultati mostrano che gli appartenenti alla prima categoria si sono ammalati meno spesso. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"