Influenza, Iss: è record negli ultimi giorni, colpiti in 943mila

Salute e Benessere

Questa, ha specificato l’Iss, è aumentata in tutte le fasce d’età, colpendo particolarmente i bambini sotto i cinque anni. Secondo i dati registrati, l'influenza ha raggiunto l'incidenza più alta dal 2009

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia, dal 28 novembre al 4 dicembre 2022, il numero di casi di sindromi simil-influenzali ha fatto registrare l’incidenza più alta dal 2009. Nel periodo evidenziato, ad essere rimasti a letto con l’influenza sono stati 943mila gli italiani. Ad oggi questa non solo è più precoce, ma ha anche un’incidenza che ha sfiorato i 16,0 casi ogni mille abitanti. È il quadro emerso dall'ultimo bollettino aggiornato "InfluNet", il Sistema di Sorveglianza Integrata dell’Influenza curato settimanalmente dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Dall’inizio del monitoraggio le persone ad essere state contagiate sono 3,5 milioni.

I dati nello specifico

approfondimento

Come prevenire l'influenza: le raccomandazioni del ministero

 

Il quadro dell’ultimo bollettino 'InfluNet' evidenzia un’incidenza che ha superato il picco di tutte le stagioni precedenti, a partire dal 2009. Nello specifico, nella 48° settimana del 2022, l’incidenza supera la soglia di intensità alta: diversamente, nello scorso report, l’incidenza era pari a 13,1 casi per mille abitanti. Questa, specifica l’Iss, è aumentata in tutte le fasce d’età, colpendo particolarmente i bambini sotto i cinque anni d’età: qui l’incidenza è pari a 50,2 casi per mille abitanti, contro i 41,2 registrati nella settimana precedente. "Si intensifica la circolazione dei virus influenzali, anche se a far crescere il numero delle sindromi simil-influenzali, in queste prime settimane di sorveglianza, hanno concorso anche altri virus respiratori", ha precisato l'Istituto superiore di sanità.

I dati nelle varie Regioni

 

L'Iss ha sottolineato, inoltre, che in sette Regioni l’incidenza ha superato la soglia massima d’intensità (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo), mentre altre tre, ovvero Campania, Calabria e Sardegna, non hanno attivato la sorveglianza Influnet. L’Istituto ha precisato che dei "1.263 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori afferenti alla rete InfluNet", ne sono stati analizzati 1.145. Di questi, "472 (41,2%) sono risultati positivi al virus influenzale, tutti di tipo A (368 di sottotipo H3N2, 22 H1N1pdm09 e 82 non ancora sottotipizzati)". Tra i campioni analizzati, "123 (10,7%) sono risultati positivi per Sars-CoV-2, mentre 211 sono risultati positivi per altri virus respiratori, in particolare: 138 (12%) Rsv, 43 (3,8%) Rhinovirus, 12 Coronavirus umani diversi da SARS-CoV-2, 7 virus Parainfluenzali, 6 Adenovirus, 4 Metapneumovirus e 1 Bocavirus".

Salute e benessere: Più letti