Anziani, una visita virtuale al museo contro la solitudine: i benefici

Salute e Benessere
©IPA/Fotogramma

A dimostrarlo una recente ricerca dell'Università canadese di Montreal pubblicata su Frontiers in Medicine

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Si sa che isolamento, caldo e solitudine sono tra i rischi maggiori che possono riguardare le persone anziane. Un problema che si esaspera non solo nei periodi festivi, con le famiglie che decidono di partire con amici o in vacanza, ma anche d’estate. Una recente ricerca dell'Università canadese di Montreal, pubblicata su Frontiers in Medicine - prestigiosa rivista scientifica -, ha condiviso un ‘rimedio’ contro i rischi che corrono le persone più fragili: una visita virtuale ad un museo.

Cosa dice lo studio canadese

approfondimento

Caldo, rischi maggiori per anziani e fragili. I consigli da seguire

Con la solitudine e l’isolamento cresciuti durante la pandemia, sono in molti gli anziani che hanno visto peggiorare le loro condizioni di salute durante i lockdown e chiusure varie. Grazie ad una collaborazione con il Museo di Belle Arti di Montreal, i ricercatori hanno potuto studiare i potenziali vantaggi legati a delle visite virtuali settimanali al museo per un periodo di tre mesi. Dopo aver reclutato 106 persone di età pari, o superiore, a 65 anni e residenti nell’area cittadina canadese, una metà dei partecipanti - parte del gruppo di intervento - ha frequentato visite guidate online una volta alla settimana, mentre l’altra metà, chiamata gruppo di controllo, è stata assolta dal compito. Il gruppo di intervento, è emerso dalla ricerca, ha mostrato dei netti miglioramenti sia in termini di isolamento sociale, che di benessere, qualità della vita e punteggi di valutazione della fragilità inferiori rispetto al gruppo di controllo, ovvero quello che è stato costretto ad astenersi dalle attività.

L’arte che dà speranza

“Il nostro studio ha dimostrato che l'attività basata sull'arte può essere un intervento efficace su scala globale. Potrebbe diventare un modello da offrire potenzialmente nei musei e nelle istituzioni artistiche di tutto il mondo per promuovere un invecchiamento attivo e in buona salute”, ha commentato Olivier Beauchet, autore principale dello studio. Nonostante fossero già noti gli effetti benefici dell’arte sulla vita delle persone, la ricerca evidenzia - scientificamente - i suoi effetti benefici su corpo e mente. Dovremmo tutti, quindi, andare più spesso a vedere mostre, spettacoli, o concerti: ne vale non solo della nostra cultura, ma anche della nostra salute.

 

Salute e benessere: Più letti