Covid, Ema: verso l’ok a vaccini annuali come per l’influenza

Salute e Benessere
©Ansa

La conferma è arrivata dal responsabile della strategia per i vaccini dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema), Marco Cavaleri. “A seconda dei dati che riceviamo, potremmo essere in grado di muoverci verso un quadro simile ai vaccini per l'influenza, che non richiede la presentazione dei dati clinici prima dell'approvazione dell'aggiornamento annuale. Le discussioni tra gli esperti sono in corso”, ha sottolineato 

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

 

“A seconda dei dati che riceviamo, potremmo essere in grado di muoverci verso un quadro simile ai vaccini per l'influenza, che non richiede la presentazione dei dati clinici prima dell'approvazione dell'aggiornamento annuale. Le discussioni tra gli esperti sono in corso”. Queste le parole del responsabile della strategia per i vaccini dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema), Marco Cavaleri, che ha fatto il punto della situazione a proposito della campagna vaccinale anti-Covid in Ue. “Avremo bisogno di una evidenza reale per comprendere l'impatto che l'aggiornamento dei vaccini ha sulla protezione delle persone dal contagio e dall'evoluzione grave della malattia in autunno e in inverno, e quanto tempo potrebbe durare la copertura”, ha poi aggiunto.

Da varianti Omicron nuova ondata in Ue

approfondimento

Covid, così Omicron 5 sta cambiando la pandemia per contagi e ricoveri

L’esperto, tra l’altro, ha confermato la nuova ondata di contagi. “Stiamo assistendo a una nuova ondata di casi Covid-19 in molti Paesi in Ue poiché le varianti Omicron BA.4 e BA.5 sono altamente trasmissibili”, ha riferito Cavaleri. Per questo motivo e sulla base delle attuali proiezioni, l'Ema stessa ha detto di aspettarsi che le due sotto varianti di Omicron “diventino dominanti in Europa probabilmente sostituendo completamente tutte le altre varianti entro la fine di luglio”.

Secondo booster per over 60 se i casi aumentano

Vista l’attuale situazione epidemiologica, in riferimento alla pandemia di Covid, il responsabile della strategia per i vaccini dell’Ema ha spiegato che “anche le persone tra i 60 e i 79 anni e le persone vulnerabili dal punto di vista medico di qualsiasi età dovrebbero ricevere una seconda dose booster di vaccino”, soprattutto “se i tassi di infezione aumentano”. La raccomandazione di aprile per le persone con più di 80 anni, ha aggiunto, “resta valida: dovrebbero ricevere un secondo vaccino di richiamo”, ha poi ribadito.

Il richiamo con vaccini con due ceppi alza la protezione

approfondimento

Vaccino Covid, quarta dose: chi deve farla subito e come prenotare

Cavaleri ha parlato anche dei vaccini bivalenti. “I dati preliminari degli studi clinici indicano che i vaccini mRNA adattati che incorporano un ceppo della variante Omicron possono aumentare ed estendere la protezione, se usati come booster”, ha detto. Proprio i vaccini bivalenti mRna che combinano due ceppi di Sars-CoV-2, “uno dei quali è un ceppo Omicron, sembrano offrire una risposta immunitaria ancora più ampia”, ha poi aggiunto, confermando che “i vaccini che includono altre varianti potrebbe anche essere presi in considerazione per l'uso come booster se i dati degli studi clinici mostreranno un livello adeguato di neutralizzazione contro Omicron e di altre varianti preoccupanti”. E ribadendo, poi, che l’Ema è al lavoro per l'approvazione “a settembre” di vaccini adattati contro il Covid-19. L'Agenzia, ha sottolineato l’esperto, “sta lavorando a stretto contatto con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la Commissione europea e le autorità sanitarie pubbliche nazionali per identificare i migliori approcci alla vaccinazione in Europa e affrontare potenziali nuove ondate di infezioni da Covid-19”.

In autunno il parere sui vaccini per bimbi under 5

Un’ultima specifica riguarda poi il vaccino anti-Covid per i più piccoli. L'Ema, infatti, dovrebbe riferire il proprio parere sui vaccini di Moderna e Pfizer-BioNTech, per i bambini dai 6 mesi ai 5 anni, “ad inizio autunno”, ha concluso Cavaleri. “Stiamo già valutando la richiesta per il vaccino Spikevax di Moderna e speriamo davvero di arrivare molto presto a una conclusione, possiamo prevedere che avverrà dopo la pausa estiva”, ha detto, confermando che anche per Pfizer-BioNTech la valutazione dei dati è appena iniziata e il parere dovrebbe arrivare “ad inizio autunno”.

Salute e benessere: Più letti