Covid, Ministero alle Regioni: “Insufficiente adesione ai vaccini. Rischi concreti"

Salute e Benessere
©IPA/Fotogramma

Lo riporta un documento che il Ministero della Salute e la Direzione dell'unità di completamento della campagna vaccinale hanno inviato alle Regioni e alle Province Autonome con l’intento di implementare e rafforzare la campagna vaccinale nel nostro Paese

ascolta articolo

Una “ancora insufficiente adesione alla schedula vaccinale che delinea il rischio concreto di lasciare esposti allo sviluppo di malattia grave soggetti più vulnerabili”. È quanto riportato in un documento ufficiale che il ministero della Salute e la Direzione dell'unità di completamento della campagna vaccinale hanno inviato alle Regioni e alle Province Autonome con l’intento di implementare e rafforzare la campagna vaccinale nel nostro Paese. Tale evidenza, si legge ancora, “oltre a compromettere la salute dei singoli, mette sistematicamente a rischio le strutture ospedaliere, impegnate, attualmente, nel recupero del trattamento delle patologie differite causa pandemia”, hanno sottolineato gli esperti.

“Regioni e Pa rafforzino la campagna vaccinale”

approfondimento

Vaccino Covid: dati e grafici sulle somministrazioni in Italia

Inoltre, è stato ribadito nel documento, a firma del direttore dell'unità di completamento della campagna vaccinale, il generale Tommaso Petroni, “si sollecitano le Regioni e le Province autonome a rafforzare con immediatezza le campagne di informazione pubblica sull'utilità delle dosi aggiuntive declinate per fasce di popolazione a rischio”. Ma non solo, perché l’invito è anche quello “di coinvolgere direttamente e senza indugi i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta nella campagna vaccinale e rafforzare subito il sistema di 'chiamata attiva' dei singoli cittadini interessati alla somministrazione”.

Salute e benessere: Più letti