Covid, Easa/Ecdc: dal 16 maggio stop all'obbligo dell'uso di mascherine in volo

Salute e Benessere
©Ansa

L'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea, insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha diffuso un aggiornamento relativo alle misure di sicurezza sanitaria durante i viaggi aerei. Le regole potranno comunque variare in base alla compagnia aerea, sempre a partire dal 16 maggio prossimo

ascolta articolo

L'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (Easa), unitamente al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), ha diffuso, in queste ore, un aggiornamento relativo alle misure di sicurezza sanitaria anti-Covid durante i viaggi aerei. Togliendo, in sostanza, la raccomandazione che riguarda l'uso obbligatorio di mascherine mediche negli aeroporti e a bordo dei voli. Le nuove indicazioni in merito, si legge in una nota dell’Easa, entreranno in vigore a partire dal 16 maggio 2022.

I parametri presi in considerazione

approfondimento

Covid, lavoro: resta protocollo fino a giugno con obbligo mascherina

L'aggiornamento del protocollo sulla sicurezza sanitaria dell'aviazione, viene sottolineato, tiene in considerazione i più recenti sviluppi della pandemia di coronavirus, in particolare considerando i livelli di vaccinazione e quelli dell’immunità naturalmente acquisita, oltre alla conseguente revoca delle restrizioni in un numero sempre più ampio di Paesi europei. Tra l’altro, insieme alle novità relative all’utilizzo delle mascherine, le raccomandazioni comprendono anche un allentamento delle misure più rigorose sulle operazioni aeree, fattore che dovrebbe portare ad alleggerire l'onere per l'industria di settore, pur mantenendo in essere le misure appropriate e necessarie.

Le regole possono variare in base alla compagnia aerea

Le regole per le mascherine, si legge ancora nella nota dell’Easa, potranno comunque variare in base alla compagnia aerea, sempre dopo il 16 maggio prossimo. Per esempio, i voli da o verso una destinazione in cui è ancora richiesto l'uso del dispositivo di protezione individuale sui trasporti pubblici dovrebbero continuare a raccomandare l'uso della mascherina, in base alle norme vigenti. I passeggeri più fragili, segnala in conclusione l'Agenzia, dovrebbero continuare lo stesso ad indossare una mascherina, al di là delle nuove regole aggiornate. Secondo gli esperti, i dispositivi di tipo Ffp2, N95 e Kn95 sono quelli che garantiscono un livello di protezione superiore rispetto ad una mascherina chirurgica standard.

Salute e benessere: Più letti