Iss, terminata la stagione influenzale: 6,5 milioni gli italiani colpiti

Salute e Benessere
©Ansa

Nell’ultimo bollettino “InfluNet” della stagione, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali è tornata sotto il livello della soglia basale, con un’incidenza pari a 2,83 casi per mille assistiti. In tutte le fasce d’età la stessa incidenza è stata registrata in diminuzione. I casi totali, da inizio sorveglianza, sono stati circa 6.539.000 

ascolta articolo

Nella 17esima e ultima settimana di monitoraggio stagionale la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali è tornata sotto il livello della soglia basale (3,16), con un’incidenza pari a 2,83 casi per mille assistiti. E’ questo il responso principale dell’ultimo bollettino “InfluNet”, il Sistema di Sorveglianza Integrata dell’Influenza coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Da cui è emerso, anche, che in tutte le fasce di età l’incidenza delle sindromi simil-influenzali è risultata in diminuzione. In totale, da inizio sorveglianza, sono stati coinvolti circa 6,5 milioni di italiani. 

I dati emersi dall’ultimo bollettino della stagione

approfondimento

Influenza, studio: vaccino riduce del 34% rischio di infarto e ictus

In particolare, nella settimana dal 25 aprile al 1 maggio 2022, 769 medici sentinella hanno inviato dati circa la frequenza di sindromi simil-influenzali tra i propri assistiti. Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è risultata pari a 9,03 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni pari a 3,93 mentre nella fascia 15-64 anni a 2,53. Tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni, infine, l’incidenza è stata pari a 1,33 casi per mille assistiti. Nella stagione 2019-20, ultima in cui è stata osservata un’epidemia stagionale di sindromi simil-influenzali, in questa stessa settimana, il livello di incidenza era pari a 0,42 casi per mille assistiti, dunque inferiore a quello osservato nell’attuale stagione (2,83). Nello specifico, rileva ancora il rapporto, nella 17esima settimana del 2022, i casi stimati di sindrome simil-influenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono stati circa 167.000, per un totale di circa 6.539.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza. Gli esperti hanno segnalato ancora come n 11 Regioni o Province Autonome italiane (P.A. di Trento, Veneto, Toscana, Marche, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna), tra quelle che hanno attivato la sorveglianza, il livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali è risultato sotto la soglia basale, fissata a 3,16 casi per mille assistiti.

L’analisi a livello virologico

Durante la settimana dell’ultimo bollettino stagione, proseguendo nell’analisi a livello virologico, sono stati segnalati 437 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori afferenti alla rete InfluNet e, tra i 431 analizzati, 64 (14,8%) sono risultati positivi per influenza, tutti di tipo A. Nell’ambito delle analisi, poi, 146 campioni sono risultati positivi al Sars-Cov-2. Nel complesso, dall’inizio della stagione ad oggi, su un totale di 13.063 campioni clinici raccolti dai laboratori, 1.899 (14,5%) sono risultati positivi al virus influenzale, di cui 1.893 di tipo A (99,7%) e 6 di tipo B (0,3%). Considerando sempre tali campioni, 3.843 (29%) sono risultati positivi al virus Sars-Cov-2.

Salute e benessere: Più letti