Infermieri, per il 28 gennaio dichiarato lo sciopero nazionale

Salute e Benessere
©IPA/Fotogramma

Lo ha segnalato una nota del sindacato infermieristico NurSind, sottolineando i motivi della scelta. Ad influire anche “i tempi lunghi di chiusura del nuovo contratto collettivo nazionale ed il mancato inserimento dell’emendamento alla Legge di Bilancio 2022, che avrebbe dovuto svincolare l’erogazione dell’indennità specifica dal rinnovo contrattuale”

“La misura è colma e la decisione era inevitabile, il 28 gennaio sarà sciopero nazionale del comparto sanità”. Così inizia il comunicato diffuso sul portale del sindacato infermieristico NurSind, che specifica poi i motivi della scelta, già annunciata da tempo, tra contratto collettivo nazionale e pandemia da Covid-19. “I tempi lunghi di chiusura del nuovo contratto collettivo nazionale ed il mancato inserimento dell’emendamento alla Legge di Bilancio 2022, che avrebbe dovuto svincolare l’erogazione dell’indennità specifica infermieristica dal rinnovo contrattuale, avevano portato il sindacato a dichiarare lo stato di agitazione, primo passo verso lo sciopero nazionale”, si legge.

La quarta ondata Covid ha “travolto” gli operatori sanitari

approfondimento

Varianti Covid, esperti: è una doppia pandemia, verso 2 mln di casi

Ma, come detto, la mancata erogazione dell’indennità infermieristica non rappresenta l’unica motivazione per la quale gli infermieri sciopereranno il 28 gennaio. “La quarta ondata Covid, ancora una volta, ha travolto in pieno la gli operatori sanitari: infermieri che da ormai due anni incessantemente, con scarsi presidi, ferie sospese, spostamenti improvvisi di reparti, sovraccarico di lavoro, carenze di personale, si sacrificano per salvare le vite dei nostri concittadini e, attraverso il loro lavoro, sostengono la ripresa economica del Paese e favoriscono la difesa delle libertà, senza nessun riconoscimento economico”, segnala il sindacato.

Stipendi degli infermieri “tra i più bassi d’Europa”

Secondo Andrea Bottega, segretario nazionale di NurSind, gli infermieri “portano il peso e pagano le conseguenze del disastro organizzativo che si sta delineando, complice l’impennata dei contagi e una buona dose di mancate decisioni”, ha detto. Queste sono alcune delle ragioni per cui la categoria “è in stato d’agitazione da novembre scorso e sciopererà in questo mese. Un grido di dolore che non possiamo non far sentire, a maggior ragione dopo che l’esecutivo ha ignorato completamente le nostre istanze in legge di Bilancio”, ha poi proseguito. Un dato su tutti, ha riferito ancora Bottega, salta all’occhio. “Gli stipendi degli infermieri sono tra i più bassi d’Europa. Molti che già esercitano si licenziano, stanchi di sacrifici e rischi senza ottenere mai nulla in cambio”, ha spiegato. Si tratta di “professionisti e non missionari volontari. I loro sono obblighi contrattuali, ma devono essere adeguatamente compensati con giusti stipendi e dignitose condizioni di impiego”, ha concluso. “Gli infermieri, che il Covid non l’hanno visto in tv, ma lo hanno affrontato a stretto contatto con le migliaia di persone che non ce l’hanno fatta, chiedevano un segnale concreto di vicinanza da parte delle istituzioni. Non l’hanno avuto, non ci rimane che manifestare il nostro dissenso con lo sciopero di tutto il comparto sanità”, ha infine sottolineato il segretario.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24