Scoperto il "gene architetto" che dà forma al cranio. Lo studio

Salute e Benessere
©Getty

Si tratta del gene RUNX2 cruciale per dar forma allo scheletro. La sua scoperta si deve ai ricercatori dell’Università Cattolica nel campus di Roma

Un team di ricercatori dell’Università Cattolica nel campus di Roma ha scoperto un meccanismo fondamentale per lo sviluppo del cranio arrotondato dell’uomo moderno, che ha permesso di lasciarsi alle spalle la testa allungata dei primitivi. Questo processo, come descritto sulla pagine della rivista specializzata Scientific Reports, sarebbe stato regolato da un gene "architetto" cruciale per dar forma allo scheletro, chiamato RUNX2.

Lo studio nel dettaglio

approfondimento

Individuato nelle scimmie gene che intrappola virus come Hiv e Ebola

"È noto, in biologia, che il gene RUNX2 è fondamentale per dare avvio allo sviluppo dell'intero scheletro, compreso il cranio", ha spiegato la coordinatrice della ricerca Wanda Lattanzi, della Sezione di Biologia Applicata del Dipartimento di Scienze della Vita e Sanità Pubblica della facoltà di Medicina e chirurgia. Confrontando i genomi degli ominidi estinti,  disponibili su database pubblici del Max Planck Institute in Germania, il team di ricerca è riuscito a identificare delle variazioni nella sequenza del gene oggetto dello studio che si sono succedute nel corso dell’evoluzione e hanno consentito lo sviluppo del cranio moderno. "Poi abbiamo verificato gli effetti biologici delle variazioni di RUNX2 presenti nel Dna dell'uomo moderno studiandone in laboratorio gli effetti sulla biologia di cellule staminali isolate da tessuto osseo del cranio umano", ha aggiunto la ricercatrice.

I risultati della ricerca

L'analisi ha rivelato che la versione di RUNX2 presente nel nostro Dna è soggetta a regolazioni diverse durante la formazione dell'osso cranico, spiegando l'acquisizione della forma arrotondata tipica dell'uomo moderno. "I risultati di questo studio oltre a chiarire meccanismi biologici e di genetica dell'evoluzione, gettano le basi per innovazioni biotecnologiche basate sull'utilizzo del gene RUNX2 come bersaglio molecolare nel disegno di strategie personalizzate di terapia genica e medicina rigenerativa, per la correzione di difetti ossei e malformazioni craniofacciali associate", ha concluso Lattanzi.

 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24