Prevenire i tumori femminili, al via il progetto Frecciarosa 2021

Salute e Benessere
©Ansa

L'iniziativa parte venerdì 1 ottobre, per sensibilizzare sulla prevenzione legata ai tumori femminili, principalmente quelli al seno. Promossa da FS Italiane e dall'associazione IncontraDonna Onlus, vedrà medici e volontari a bordo dei treni di Trenitalia per fornire consulti gratuiti e diffondere il vademecum della salute in digitale, attraverso un QR code. Consulti individuali con medici specializzati saranno disponibili poi, una volta a settimana, anche nei FrecciaLounge di Roma Termini e Milano Centrale

Più del 90% delle donne a cui viene diagnosticato un tumore del seno, scoperto in fase precoce, riesce a guarire. Il merito è soprattutto quello degli esami di prevenzione che però, nel corso del lockdown causato dalla pandemia di coronavirus, hanno subito dei ritardi. Ma i controlli per le diagnosi precoci devono ripartire quanto prima ed è proprio questo l’obiettivo dell’undicesima edizione di “Frecciarosa”, un progetto promosso da IncontraDonna in collaborazione con il Gruppo FS Italiane, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute, grazie al sostegno dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e di Farmindustria. Le testimonial dell’edizione 2021 sono la cantante Orietta Berti e la docente di ballo, Carolyn Smith, che è stata colpita proprio da tumore.

Medici e volontari a bordo dei treni

approfondimento

Tumore seno: scoperta una possibile chiave della resistenza ai farmaci

L’iniziativa è in partenza venerdì 1 ottobre e, dopo lo stop alle attività in presenza, quest’anno ritornano le consulenze a bordo treno. Come spiega un comunicato del Gruppo FS Italiane, i medici e i volontari di IncontraDonna Onlus saranno a bordo dei treni di Trenitalia “per fornire consulti gratuiti e diffondere il vademecum della salute in digitale attraverso un QR code”. Per tutto il mese di ottobre saranno presenti su alcuni treni regionali in Sicilia, Campania, Calabria e Basilicata, mentre a bordo delle Frecce sarà possibile ricevere consulti medici viaggiando tra Roma e Milano, Torino, Venezia, Bari e Reggio Calabria. Consulti individuali con medici specializzati saranno disponibili poi, una volta a settimana, anche nei FrecciaLounge di Roma Termini e Milano Centrale. “Frecciarosa ha ottenuto risultati sorprendenti nel corso di questi anni. Nelle edizioni precedenti, sono stati oltre nove i milioni di viaggiatori Trenitalia intercettati, circa 7mila sono state le consulenze, visite ed ecografie offerte gratuitamente e circa 600mila le copie del vademecum della salute distribuite in cartaceo”, si legge. In più, per tutto il mese di ottobre, continuano i teleconsulti online sulla piattaforma frecciarosa.it .

Nel 2020, 55mila nuove diagnosi di tumore al seno

“Nel 2020, in Italia, sono state stimate quasi 55mila nuove diagnosi di tumore della mammella, la neoplasia in assoluto più frequente in tutta la popolazione”, ha sottolineato Adriana Bonifacino, Presidente di Incontra Donna Onlus. “Scopo di ‘Frecciarosa’ è quello di diffondere la cultura della prevenzione in un contesto sdrammatizzante e inusuale: i treni e le stazioni diventano luoghi d’incontro tra medici e cittadini in un simbolico ‘viaggio nella salute’”, ha continuato. “La pandemia ha allontanato la popolazione da corretti stili di vita in termini di alimentazione sana e attività fisica costante e ha determinato criticità nell’adesione agli esami di screening con tempistiche accettabili. Sono le conseguenze indirette del virus”, ha spiegato ancora Nel 2020, rispetto ad un anno prima, sono state contate oltre 3.300 diagnosi mancate di carcinoma della mammella, 2.700 di collo dell’utero, 1.300 di carcinoma del colon-retto e oltre 7.400 di adenomi colorettali avanzati, proprio per il blocco e i ritardi nel riavvio dei programmi di prevenzione secondaria, ha riferito ancora l’esperta. “È nostro compito far retrocedere in tempi rapidi questi numeri, altrimenti incrementeranno esponenzialmente”.

Informazioni mediche sui corretti stili di vita

“Trenitalia e tutto il Gruppo FS Italiane confermano il sostegno al progetto ‘Frecciarosa’ che in dieci anni ha permesso a migliaia di donne e uomini di ricevere, a bordo treno o nelle sale dedicate ai viaggiatori, visite e informazioni mediche sui corretti stili di vita, migliorando la cultura della prevenzione”, ha commentato Luigi Corradi, amministratore delegato e direttore generale di Trenitalia. “La sostenibilità sociale è uno dei valori che ci guida, fondamentale per tutte le nostre attività. È forte la nostra attenzione verso le esigenze delle persone, partendo dalle fasi di costruzione di un treno pensato e progettato per accogliere tutti fino alle necessità dei passeggeri prima, durante e dopo il viaggio. In questa edizione ‘Frecciarosa’ tornerà a viaggiare a bordo dei nostri treni coprendo tutto il territorio nazionale”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24