Covid, picco contagi tra sanitari: ipotesi terza dose vaccino

Salute e Benessere
©Ansa

I dati dell'Istituto Superiore di Sanità aggiornati a lunedì indicano che in un poco più di un mese i contagi tra gli operatori sanitari sono aumentati quasi del 600%. Un trend confermato anche dalla Fnopi, secondo cui il virus sta infatti di nuovo colpendo a grande velocità per fortuna senza troppi danni

Diventa sempre più concreta l'ipotesi di una terza dose di vaccino anti-Covid per alcune categorie specifiche di persone, tra cui gli operatori sanitari. Come riporta il Messaggero, i dati dell'Istituto Superiore di Sanità aggiornati a lunedì indicano che in un poco più di un mese i contagi tra gli operatori sanitari sono aumentati quasi del 600%. Un trend confermato anche dalla Fnopi, la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche, secondo cui il virus sta infatti di nuovo colpendo a grande velocità, ma, fortunatamente, senza troppi danni. (VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Covid, tra i sanitari +600% di casi

approfondimento

Covid in Italia e nel mondo: ultime notizie di oggi 25 agosto

"I contagi tra gli operatori sanitari sono andati via via calando nei mesi a partire dal vax day di dicembre 2020, quando su base mensile si registravano tra i 16mila e i 19mila casi, fino alla cifra più bassa di soli 265 operatori sanitari infettati in un mese", ha sottolineato la presidente della Fnopi Barbara Mangiacavalli. Dai dati aggiornati a lunedì, invece, sono aumentati in poco più di un solo mese quasi del 600% fino ad arrivare a 1.835. "Di questi - ha rimarcato Mangiacavalli - l'82-84% circa sono infermieri che da inizio pandemia si sono contagiati in circa 115mila".

Covid, Israele: estesa anche agli over 30 la terza dose di Pfizer

La questione della durata della copertura vaccinale e l'ipotesi di un ulteriore richiamo sono ora sul tavolo di tutti i governi. Israele, su quest'ultimo fronte, ha fatto da apripista nel mondo, iniziando a somministrare la terza dose a inizio agosto, partendo dagli over 60, per poi allargare la possibilità anche agli over 50 ed over 40, e ora anche a tutti i cittadini israeliani di oltre 30 anni che abbiano ricevuto le prime due dosi almeno cinque mesi fa. Secondo i dati più aggiornati, a partire dalla fine di luglio quando è stata introdotta, la terza dose è stata somministrata a quasi 1,6 milioni di persone in Israele.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24