Individuato messaggio di stress che le cellule adipose inviano al cuore

Salute e Benessere
©Ansa

Lo hanno sottolineato i ricercatori dell'Università del Texas Southwestern in uno studio sui topi che potrebbe aprire nuove porte nell’ambito della lotta all’obesità. E potrebbe anche spiegare il “paradosso dell'obesità”, un fenomeno riscontrato tra le persone obese che hanno migliori prognosi di malattie cardiovascolari a breve e medio termine ma non a lungo termine

Una sorta di messaggio “sos”, ovvero un segnale di stress ricevuto dal cuore direttamente dalle cellule adipose e che potrebbe aiutare a proteggere dai danni cardiaci causati dall'obesità. E’ quello che hanno individuato i ricercatori dell'Università del Texas Southwestern, in uno studio i cui risultati sono stati pubblicati all’interno della rivista scientifica “Cell Metabolism”.

I dettagli dello studio

approfondimento

Obesità, individuata una molecola che può aiutare a combatterla

In particolare, grazie ad una tecnica genetica specifica e ad un lavoro di analisi condotto sui topi di laboratorio, gli studiosi hanno notato che le cellule adipose degli animali hanno iniziato a inviare alcuni messaggi, sotto forma di vescicole extracellulari contenenti piccoli pezzi di mitocondri, organelli addetti alla respirazione cellulare, morenti. Alcuni di questi frammenti mitocondriali si sono mossi attraverso il flusso sanguigno giungendo fino al cuore ed innescando un processo definito “stress ossidativo”, uno stato in cui le cellule generano radicali liberi dannosi per l’organismo. Per contrastare tale fenomeno, come riscontrato dagli esperti, le cellule del cuore producono molecole protettive antiossidanti. E attraverso altri studi basati sul tessuto adiposo prelevato da pazienti obesi, gli stessi esperti hanno notato che queste cellule rilasciano anche vescicole extracellulari piene di mitocondri. Dato che potrebbe spiegare come quanto avviene nei topi possa replicarsi anche negli esseri umani. Tra le conclusioni cui sono arrivati gli esperti, quella secondo cui imparare a generare in maniera artificiale il meccanismo protettivo identificato nello studio, possa condurre a nuove metodologie per arginare le conseguenze negative associate all'obesità.

Una capacità difensiva e preventiva del cuore

Secondo gli studiosi americani, dunque, questa ricerca potrebbe aiutare a spiegare un meccanismo particolare, il cosiddetto “paradosso dell'obesità”, un fenomeno riscontrato tra le persone obese che hanno migliori prognosi di malattie cardiovascolari a breve e medio termine rispetto a pazienti non obesi. Questa condizione, però, può letteralmente ribaltarsi se considerata a lungo termine. Come spiegato da Clair Crewe, tra le ricercatrici dello studio, lo stress metabolico legato all'obesità può rendere disfunzionale, con gradualità, il tessuto adiposo, innescando anche la morte dei suoi mitocondri, organelli cellulari deputati alla produzione di energia. Questa porzione di tessuto adiposo, così facendo, perde la propria capacità di immagazzinare i lipidi generati dalle calorie in eccesso nel cibo, “avvelenando” altri organi attraverso la lipotossicità, un danno ai tessuti non progettati per l'accumulo di acidi grassi. Ma, secondo gli studiosi, alcuni organi, tra cui proprio il cuore, sembrano possedere una capacità difensiva e preventiva per proteggersi da tale meccanismo.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24