Microbiota intestinale: a Careggi il primo trapianto in Toscana

Salute e Benessere
©Ansa

La procedura di trapianto è stata eseguita con successo su un paziente oncologico per il trattamento di una grave infezione intestinale resistente alle terapie ordinarie

Negli scorsi giorni, presso l'ospedale fiorentino di Careggi, è stato eseguito con successo il primo trapianto di microbiota intestinale in Toscana, fra i primi in Italia in strutture del Servizio sanitario pubblico. La procedura, condotta su un paziente oncologico per il trattamento di una grave infezione intestinale resistente alle terapie ordinarie, è stata eseguita dagli specialisti di Gastroenterologia, Microbiologia, Virologia dell'ospedale e ha coinvolto anche i colleghi dell'Unità di Terapie Cellulari e della Medicina trasfusionale. Il trattamento "è stato eseguito con successo e la persona che ha ricevuto il microbiota è in buone condizioni", ha sottolineato il professor Stefano Milani, direttore della Gastroenterologia clinica di Careggi, in una nota.

La procedura di trapianto nel dettaglio

approfondimento

Covid, buoni risultati per il primo trapianto di cellule del midollo

"Il trasferimento per via endoscopica del microbiota è il risultato di un processo di verifiche e controlli che ha impegnato per oltre quattro anni i sanitari di Careggi, in collaborazione con il Ministero della Salute e il Centro Nazionale Trapianti", ha precisato  la dottoressa Filomena Autieri, direttrice dell'Unità Operativa Accreditamento, Qualità e Risk Management di Careggi.
"Il trasferimento di microbiota intestinale è un tipo di trapianto non chirurgico dell'ecosistema microbico normalmente presente nell'intestino delle persone sane - ha spiegato Milani -. È utilizzato come terapia innovativa per colonizzare l'intestino danneggiato in pazienti colpiti da gravi infezioni. La finalità del trattamento è ripristinare il complesso sistema microbico intestinale, essenziale per la protezione da microrganismi nocivi e resistenti alle terapie ordinarie, che in particolari condizioni possono aggredire e proliferare anche come effetto collaterale della somministrazione prolungata di antibiotici o di chemioterapie". Milani ha inoltre sottolineato che "l'utilizzo terapeutico del microbiota da donatore sano è attualmente autorizzato solo per il trattamento di una specifica grave infezione resistente dell'intestino, ma è una tecnica che apre nuove prospettive terapeutiche grazie agli studi che evidenziano un ruolo sempre più rilevante nella fisiologia dell'organismo umano di questo complesso ecosistema intestinale".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24