Covid, il presidente delle Aziende Sanitarie: “Non vaccinato 90% pazienti in rianimazione”

Salute e Benessere
©IPA/Fotogramma

Lo ha riferito il presidente della Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere (Fiaso), Giovanni Migliore. “I responsabili delle terapie intensive ci dicono che quasi tutti i loro pazienti affetti da Covid, il 90%, non sono vaccinati, e ciò conferma che il vaccino è l'arma più efficace a nostra disposizione per contrastare la pandemia e i suoi effetti peggiori”, ha detto

“I responsabili delle terapie intensive ci dicono che quasi tutti i loro pazienti affetti da Covid, il 90%, non sono vaccinati, e ciò conferma che il vaccino è l'arma più efficace a nostra disposizione per contrastare la pandemia e i suoi effetti peggiori”. Queste le parole, come si legge in una nota, di Giovanni Migliore, presidente della Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere (Fiaso). “L'allarme sulla ripresa dei ricoveri, alcuni gravi da richiedere la rianimazione, conferma la necessità di non abbassare la guardia e di proseguire nella campagna di vaccinazione”, ha poi sottolineato.

I vaccini nei luoghi di vacanza

approfondimento

Vaccino Covid: dati e grafici sulle somministrazioni in Italia

Come confermato da Migliore, tra l’altro, “le aziende sanitarie pubbliche sono impegnate in questi giorni a vaccinare le fasce di popolazione ancora non immunizzate, ricorrendo alle iniziative più varie per raggiungere gli italiani anche nei luoghi nei quali trascorrono le vacanze”. La campagna vaccinale in Italia, dunque, procede spedita ed “il lavoro intenso del management della sanità italiana ad agosto ci metterà al riparo, grazie a soluzioni organizzative e gestionali innovative, da scenari peggiori nel prossimo autunno”, ha sottolineato ancora il presidente di Fiaso.

I dati relativi alle terapie intensive in Italia

Intanto, secondo i dati forniti dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), cresce dell'1% in 4 Regioni italiane il tasso di occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti Covid. Sono, nello specifico, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia e Toscana. Anche il valore nazionale, dopo settimane di stabilità, segna un aumento pari al +1%, raggiungendo quota 4%. E' stabile la Sardegna all'11%, oltre la soglia critica del 10%, uno dei nuovi parametri per il cambio di colore. Segno meno invece per la Provincia Autonoma di Trento, che torna a 0. Nel dettaglio, ecco la situazione italiana relativa al tasso di occupazione dei posti in terapia intensiva da parte di pazienti affetti da Covid-19. Abruzzo (1%), Basilicata (1%), Calabria (2%), Campania (3%), Emilia Romagna (+1%, arriva al 4%), Friuli Venezia Giulia (1%), Lazio (+1%, arriva al 7%), Liguria (7%), Lombardia (+1%, arriva al 3%), Marche (3%), Molise (3%), PA di Bolzano (2%), PA di Trento (-1%, raggiunge quota 0%), Piemonte (1%), Puglia (3%), Sardegna (11%, oltre soglia del 10%), Sicilia (7%), Toscana (+1, raggiunge quota 5%), Umbria (1%), Valle d'Aosta (0%) e Veneto (2%).

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24