Covid, Fauci: negli Usa “99,2% dei morti non erano vaccinati”

Salute e Benessere
©Ansa

Lo ha riferito il celebre immunologo americano, nel corso di un’intervista concessa alla Nbc. “Abbiamo un'arma efficace”, quella dei vaccini, per combattere la malattia, “e non la usiamo completamente”, ha sottolineato il consulente medico della Casa Bianca

Il 99,2% dei pazienti morti a causa dei Covid, negli Stati Uniti, non erano vaccinati. Lo ha riferito, nel corso di un’intervista rilasciata alla Nbc, il celebre immunologo Anthony Fauci, consulente medico della Casa Bianca. “E' davvero triste e tragico che la maggior parte di queste morti fossero evitabili”, ha sottolineato. “Abbiamo un'arma”, quella dei vaccini, per combattere la malattia, “e non la usiamo completamente”, ha sottolineato Fauci. (VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE

Fauci: “Triste che il vaccino non venga utilizzato totalmente”

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: news di oggi 5 luglio

Il medico e scienziato è arrivato a definire “frustrante” questa situazione, dato che, ha ribadito ancora una volta, esiste la possibilità di avere “un mezzo molto efficace” come il vaccino anti-Covid, per contrastare “un nemico tanto forte”, come il coronavirus. E, sempre in riferimento agli Usa, ha spiegato che il fatto che il vaccino non sia pienamente utilizzato nel Paese, risulta “ancora più triste”, soprattutto in riferimento a chi ancora non ha optato per l’inoculazione del farmaco stesso. “E' terribile”, ha sottolineato ulteriormente Fauci, “in particolar modo per quelli come noi che hanno avuto a che fare con malattie per cui non ci sono validi rimedi”, ha proseguito nel corso dell’intervista. “Quando c'è una situazione come quella attuale, in cui un terribile nemico come il virus ha devastato il pianeta per un anno e mezzo e noi abbiamo un rimedio molto efficace, è ancor più triste e tragico che", proprio quest’arma, “non venga utilizzata totalmente”, ha affermato Fauci. “Ci stiamo confrontando con una situazione che non ha precedenti, eppure abbiamo gli strumenti per intervenire. Quindi, mettiamo da parte le visioni differenti e rendiamoci conto che il nemico comune è il virus”, ha detto. Tra l’altro, secondo i dati più aggiornati forniti dalla Johns Hopkins University, negli Stati Uniti circa 33 milioni di persone hanno contratto il virus e le vittime hanno superato quota 605.000 unità.

La campagna di vaccinazione nazionale

Secondo le autorità sanitarie americane, in quest’ottica, ricoveri e decessi causati dal Covid sono diminuiti drasticamente, anche in virtù dei progressi della campagna di vaccinazione nazionale. Ma non è ancora abbastanza, come spiegano i dati diffusi dai Centers for Disease Control and Prevention. Più della metà degli stati americani non è riuscito a vaccinare il 70% della popolazione con almeno una dose, obiettivo che aveva indicato il presidente Joe Biden. Tra gli esempi, quello del Mississippi, dove solo il 30% dei cittadini ha completato il ciclo di vaccinazione. E in altri stati del Sud non si arriva al 40%. La variante Delta del virus, intanto, è stata rilevata in ognuno dei 50 stati del Paese.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24