Vaccino Covid, Cts: Pfizer/Moderna per la seconda dose, AstraZeneca agli over 60

Salute e Benessere
©Ansa

Queste le raccomandazioni del Comitato Tecnico Scientifico, che verranno “tradotte dal governo in modo perentorio” come confermato dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Secondo il commissario per l'emergenza coronavirus, Francesco Figliuolo, la scelta di somministrare AstraZeneca solo agli over 60 “avrà qualche impatto sul piano vaccinale”, ha detto, ma “sono sicuro che fra luglio e agosto riusciremo a mitigare questo impatto”

Nell’ambito della campagna vaccinale contro il Covid-19, il vaccino prodotto e sviluppato da AstraZeneca è fortemente raccomandato per gli over 60, mentre per coloro che hanno meno di sessant'anni e hanno già fatto una dose del farmaco a vettore virale, con la seconda dose verrà inoculato un vaccino Pfizer o Moderna. E' questa l'indicazione inserita nel parere del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) che rimanda, adesso, ogni decisione alle autorità competenti. (VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Gli studi sul mix di vaccini

approfondimento

G7 in Cornovaglia, Draghi: "Picco per ripresa mondiale"

Il Cts, dunque, ha ufficialmente raccomandato, per le prime dosi, di riservare il vaccino di AstraZeneca a coloro che abbiano un’età uguale o superiore ai 60 anni, mentre per tutti gli altri è stata invece diffusa la raccomandazione legata all’utilizzo dei vaccini a mRna. In questo contesto epidemiologico mutato, ha confermato il coordinatore del Cts, Franco Locatelli, ed in uno stretto dialogo con l’Aifa e le altre istituzioni sanitarie del Paese, lo stesso gruppo di esperti del Comitato Tecnico Scientifico ha ritenuto appropriato rimodulare le indicazioni rispetto all'uso del vaccino AstraZeneca. Il motivo è legato anche al nuovo scenario, in cui il rapporto tra benefici e potenziali rischi legati a trombosi rare può cambiare, in funzione dell'età. “Gli studi hanno previsto due dosi uguali di vaccino, tuttavia vi sono tutti i presupposti teorici e reali dall'immunologia per ipotizzare che combinare due tipologie di vaccini non porti alcun detrimento se non qualche vantaggio”, ha spiegato Locatelli, commentando la nuova indicazione destinata agli under 60 che già hanno ricevuto AstraZeneca. “Ci sono studi già disponibili che documentano il profilo di sicurezza favorevole e una risposta anticorpale rassicurante per l'efficacia. Anche qui però su numeri più grossi monitoreremo la situazione”, ha spiegato.

Le dichiarazioni di Speranza e Figliuolo

“Le raccomandazioni del Cts sul vaccino saranno tradotte dal governo in modo perentorio e non solo come raccomandazioni”, ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza, a commento della decisione del Cts. Secondo il commissario per l'emergenza coronavirus, Francesco Figliuolo, la scelta di somministrare AstraZeneca solo agli over 60 “avrà qualche impatto sul piano vaccinale”, ha detto, ma “sono sicuro che fra luglio e agosto riusciremo a mitigare questo impatto”. Secondo Figliuolo, in ogni caso, esiste la “sostenibilità logistica” per cambiare il piano vaccinale.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.