Covid, avviato dall’Ema l'esame sul vaccino di Sinovac

Salute e Benessere
©Ansa

Lo ha confermato la stessa Agenzia, attraverso un comunicato ufficiale. Il vaccino cinese anti-Covid (Vero Cell), basato sul coronavirus Sars-CoV-2 inattivato, verrà valutato secondo i consueti standard dell'UE in quanto ad efficacia, sicurezza e qualità. La decisione è arrivata in base ai risultati preliminari di studi di laboratorio (dati non clinici) che hanno indicato come il vaccino sia capace di innescare la produzione di anticorpi che prendono di mira il Sars-CoV-2, proteggendo dal Covid-19

L'Ema ha comunicato ufficialmente l’avvio dell'esame, in “rolling review”, del vaccino sviluppato dall’azienda cinese Sinovac. L’annuncio è arrivato direttamente dall’European Medicines Agency attraverso una nota, diffusa anche attraverso Twitter. “L'Ema ha avviato l'esame del siero inattivato - Vero Cell - sviluppato da Sinovac Life Sciences Co. Il richiedente Ue è Life’On S.r.l”, si legge nel comunicato, ovvero un’azienda farmaceutica italiana, il ramo specializzato nei vaccini del gruppo Orofino, con sede a Pomezia. La decisione è arrivata in base ai risultati preliminari di studi di laboratorio (dati non clinici) che hanno indicato come il vaccino sia capace di innescare la produzione di anticorpi che prendono di mira il Sars-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, e possa dunque aiutare a proteggere dalla malattia.

L’iter dell’esame

approfondimento

Vaccino, Pfizer/BioNTech: richiesto l’ok all’Ema anche per i 12-15enni

La scelta è stata presa, nello specifico, dal CHMP, il comitato per i medicinali umani. L'Ema, si legge ancora nella nota, valuterà i dati non appena saranno disponibili “per decidere se i benefici superano i rischi”. La revisione progressiva continuerà, hanno spiegato gli esperti, fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti “per una domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio”. La valutazione verrà eseguita analizzando i parametri di conformità del vaccino anti-Covid, basato sul coronavirus Sars-CoV-2 inattivato, secondo i consueti standard dell'UE in quanto ad efficacia, sicurezza e qualità. “Sebbene l'Ema non sia in grado di prevedere i tempi complessivi, il processo dovrebbe richiedere meno tempo del consueto”, si legge nel comunicato. L’Ema stessa, poi, comunicherà ulteriormente quando sarà stata presentata la domanda di autorizzazione all'immissione in commercio per il vaccino.

Come funziona il vaccino di Sinovac

Il vaccino anti-Covid (Vero Cell) inattivato, spiega l’Ema, dovrebbe preparare il corpo a difendersi dall'infezione da Sars-CoV-2. Il vaccino contiene proprio il virus, che è stato inattivato e non può dunque causare la malattia. Il vaccino inattivato contiene anche un "adiuvante", una sostanza che aiuta a rafforzare la risposta immunitaria al farmaco stesso. “Quando una persona riceve il vaccino, il suo sistema immunitario identifica il virus inattivato come estraneo e produce anticorpi contro di esso”, si legge ancora nella nota. Se, successivamente, la persona vaccinata entrerà in contatto con il virus del Sars-CoV-2, “il sistema immunitario riconoscerà il virus e sarà pronto a difendere l'organismo da questo”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.