Astrazeneca, Ema: stiamo valutando effetti collaterali, rapporto rischi-benefici positivo

Salute e Benessere
©Ansa

La direttrice esecutiva dell'agenzia europea per il farmaco in conferenza stampa sulle dosi dell'anti-Covid bloccate in via cautelativa in Italia e in diversi Paesi del Vecchio Continente: "Non possiamo arrivare a una conclusione senza una valutazione scientifica e completa”. Confermata una decisione finale per giovedì

"Non ci sono indicazioni che le vaccinazioni possano aver provocato questi eventi" ma l'Ema sta conducendo "un'analisi rigorosa sugli eventi tromboembolici", e sta valutando "caso per caso le reazioni sospette" con un'inchiesta su alcuni lotti specifici del vaccino AstraZeneca. Lo ha detto Emer Cooke, direttrice esecutiva dell'Ema, l'agenzia europea per il farmaco, durante la conferenza stampa sull'antidoto al Covid anglo-svedese sospeso in via cautelativa in Italia e in diversi Paesi europei (VIDEO). Il rapporto rischi-benefici del vaccino AstraZeneca, secondo l'Ema, "rimane positivo, stiamo continuando a valutare possibili eventi collaterali" e "la situazione attuale non è imprevista". La direttrice ha ribadito che arriverà giovedì un pronunciamento finale dell'Ema sulle trombosi denunciate dopo la somministrazione del vaccino: "Assicuriamo trasparenza. E' nostra priorità garantire la sicurezza del vaccino e comunicare i risultati"(COVID-19, AGGIORNAMENTI - SPECIALE). Intanto da fonti di Palazzo Chigi, dopo un approfondimento con il Commissario per l'emergenza Figliuolo, si apprende che se la sospensione del vaccino Astrazeneca durerà quattro giorni fino a giovedì 18 marzo, il rallentamento "potrà essere riassorbito nell'arco di un paio di settimane, anche grazie all'incremento della quantità del vaccino Pfizer stimato in 707.850 dosi.

"Serve approfondimento, coinvolti esperti di trombosi"

leggi anche

AstraZeneca, stop pure in Svezia. Speranza: fermo dopo dati Germania

"Dobbiamo fare un'analisi scientifica approfondita per dare una risposta" sul vaccino di AstraZeneca. "Prendiamo la situazione molto sul serio, e per questo abbiamo coinvolto esperti anche di trombosi. Ad ora noi siamo fermamente convinti che i benefici di AstraZeneca superino gli effetti collaterali e attualmente non ci sono indicazioni di correlazione" tra vaccino e incidenti, ha spiegato ancora Emer Cooke.

“Stiamo raccogliendo informazioni su tutti i vaccini”

leggi anche

Vaccini Covid, Ema: "Pfizer, Moderna e J&J efficaci contro varianti"

“Stiamo guardando a tutti gli eventi associati a tutti i vaccini, attualmente ci stiamo focalizzando su AstraZeneca, ma stiamo raccogliendo informazioni su tutti i vaccini e sembra che ci siano numeri simili nel mondo", ha aggiunto la direttrice esecutiva dell'Ema.

"Fino al 10 marzo 30 trombosi su quasi 5 milioni vaccinati"

leggi anche

Covid, Guido Rasi a Sky TG24 su sospensione: Forte componente emotiva

Cooke ha dato anche alcuni numeri sui quali l'Ema sta conducendo le proprie valutazioni: "Fino al 10 marzo ci sono stati 30 casi" di eventi tromboembolici riportati su quasi 5 milioni di persone vaccinate con AstraZeneca, ma la direttrice esecutiva ha precisato che si tratta di un numero inferiore agli eventi reali perché "anche nel fine settimana sono stati segnalati ulteriori casi".

"Prerogativa dei Paesi decidere a livello nazionale"

vedi anche

Covid, sospensione AstraZeneca rallenta campagna vaccinale: i numeri

Sui singoli Paesi che hanno deciso di sospendere temporaneamente il vaccino Astrazeneca, Cooke ha spiegato: "Le decisioni prese a livello nazionale vengono prese nel contesto delle informazioni disponibili a livello nazionale. È una prerogativa dei Paesi agire ed è nostra responsabilità concentrarci su una valutazione scientifica" per verificare il possibile nesso causa-effetto tra le vaccinazioni e gli effetti collaterali. La direttrice Ema ha inoltre garantito che il comitato di valutazione sta valutando ogni singolo caso.

"Nostro compito è mantenere fiducia in sicurezza ed efficacia vaccini"

leggi anche

Covid, Aifa ferma vaccino Astrazeneca in Italia in via precauzionale

"Il nostro compito è mantenere la fiducia nella sicurezza e nell'efficacia dei vaccini" con una valutazione "scientifica". Così la direttrice esecutiva dell'Ema ha risposto alla domanda di un giornalista che chiedeva se ci fosse preoccupazione per l'effetto sulla fiducia nei vaccini dopo lo stop imposto in via cautelativa all'Astrazeneca in diversi Paesi europei.

"Improbabile eventi legati a lotti specifici, ma non possiamo escluderlo"

leggi anche

Covid, D'Incà a Sky TG24: obiettivo 500mila vaccinati al giorno

"Il possibile collegamento" dei casi "a lotti specifici" del vaccino AstraZeneca, ha spiegato ancora Cooke, "lo abbiamo indagato inizialmente quando l'Austria aveva sospeso l'uso di un lotto particolare a causa di possibili eventi collegati al lotto. All'epoca non avevamo trovato alcun effetto plausibile collegato al lotto. Continuiamo ad indagare questo aspetto, ma visto che ci sono più casi in Europa, con più lotti coinvolti, riteniamo improbabile che si tratti di eventi legati ai lotti, anche se non lo possiamo escludere, e non possiamo escludere che sia qualcosa legato alla manifattura".

Salute e benessere: Più letti