Covid, secondo i risultati di un sondaggio Ipsos un italiano su 6 rifiuterà di vaccinarsi

Salute e Benessere

Il 42% degli intervistati ha dichiarato di voler avere maggiori informazioni sull’efficacia del vaccino prima di prendere una decisione. Alta anche la percentuale di chi ha dubbi sull’effettiva disponibilità di dosi per tutti

Con l’aumentare del numero dei vaccini anti-Covid arrivati alla fase 3 della sperimentazione, sembra sempre più vicino il momento in cui sarà effettivamente possibile ricevere una protezione nei confronti del coronavirus Sars-CoV-2 (segui la DIRETTA di Sky TG24). Ma gli italiani sono pronti a farsi vaccinare? Secondo i risultati di un recente sondaggio condotto da Ipsos e ripreso dal Corriere della Sera, sembrerebbe di no. Il 16% degli intervistati ha dichiarato di non essere intenzionato a sottoporsi al vaccino se diventerà disponibile nel 2021 e un altro 42% attenderà maggiori informazioni sulla sua efficacia prima di prendere una decisione. Solo un terzo dei partecipanti si è detto pronto a vaccinarsi appena possibile. A preoccupare non è solo l’eventuale efficacia del vaccino, ma anche la sua possibile scarsità: il 58% degli intervistati non crede che le dosi saranno sufficienti per tutti.

Picture shows illustration for the coronavirus vaccine in Zagreb, Croatia, August 14, 2020. A Covid-19 vaccine being developed by Pfizer and Germanyâ  s BioNTech has been found to be more than 90 per cent effective Photo: Zeljko Lukunic/PIXSELL (Zagreb - 2020-08-14, Zeljko Lukunic/PIXSELL / IPA) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
archivio: Albert Bourla il presidente della Pfizer, ha annunciato che il vaccino è risultato efficace nel prevenire il 90% delle infezioni

Il vaccino di Moderna

approfondimento

Covid-19, ecco come funziona il vaccino di Pfizer e Biontech

Dopo aver reso noto che il suo vaccino contro il Covid ha un’efficacia del 94,5%, l’azienda statunitense Moderna ha stretto un pre-accordo con la Commissione Europea per la fornitura di 160 milioni di dosi. Ad annunciarlo è stato Stefan de Keersmaecker, il portavoce dell’organo esecutivo. Nel corso del 2021, Moderna dovrebbe riuscire a produrre fino a un miliardo di dosi del vaccino. Entro la fine del 2020, invece, dovrebbe realizzarne 20 milioni, destinate agli Stati Uniti. Complessivamente, finora la Commissione Europea è riuscita ad assicurarsi 1,2 miliardi di dosi di potenziali vaccini, come ricordato da Ursula von der Leyen su Twitter.

 

Le dichiarazioni di Anthony Fauci

Per Anthony Fauci, immunologo e direttore dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Usa, l’efficacia raggiunta dal vaccino di Moderna è “impressionante”. Secondo l’esperto, entro dicembre saranno disponibili delle dosi del “rimedio” dell’azienda statunitense e di quello messo a punto da Pfizer. Fauci ha però chiarito di non voler “prevenire i tempi in cui la Food and drug administration (Fda) deciderà di approvare con una procedura di emergenza i vaccini, in quanto tutti ora faremo le cose correttamente ma velocemente, senza saltare alcuna procedura di controllo sui prodotti”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.