Coronavirus: Roche fornisce gratis farmaco per artrite già usato su pazienti Covid-19

Salute e Benessere

La casa farmaceutica ha deciso di cedere gratuitamente alle regioni italiane il medicinale tocilizumab, già utilizzato in Cina sui pazienti affetti da Covid-19 con risultati interessanti 

Dopo i miglioramenti mostrati soltanto pochi giorni fa da due pazienti di Napoli affetti da Covid-19 (LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA), curati con un farmaco normalmente utilizzato contro l’artrite reumatoide, l’azienda Roche ha deciso di fornire gratuitamente questo medicinale, il tocilizumab, alle regioni italiane che lo richiederanno. La casa farmaceutica spera in questo modo di aiutare le strutture sanitarie del Paese a gestire l’emergenza causata dalla diffusione del coronavirus (LO SPECIALE), puntando sul fatto che, come confermato dal dottor Paolo Ascierto in un’intervista a Sky TG24, anche in Cina il farmaco per l’artrite reumatoide era stato utilizzato per trattare il Covid-19 “con risultati molto interessanti”.

Farmaco per artrite gratis durante emergenza coronavirus

Roche ha annunciato di essere disposta a cedere gratuitamente il farmaco comunemente usato per trattare l’artrite reumatoide che tuttavia si è rivelato efficace anche per curare alcuni pazienti, dei quali uno intubato, che avevano contratto il coronavirus (OMS: COVID-19 È PANDEMIA). “Come azienda che opera nelle scienze della vita, raggiungiamo ogni giorno milioni di italiani con farmaci e test diagnostici, e in questa situazione sentiamo ancora più forte la responsabilità del nostro ruolo sociale”. È il presidente e amministratore delegato di Roche Farma Maurizio De Cicco ad affermarlo, illustrando la decisione presa dalla casa farmaceutica di “fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza” il farmaco tocilizumab (RoActemra), con l’unico limite del mantenimento delle scorte necessarie per continuare a trattare quei pazienti che già fanno uso del medicinale per curare altre patologie. Il tocilizumab non è infatti normalmente indicato per trattare la polmonite causata dal Covid-19, ma l’iniziativa dell’azienda arriva in seguito all’interesse mostrato dalla comunità scientifica dopo che il farmaco è stato inserito nelle linee guida cinesi. Inoltre, Roche offrirà gratuitamente anche il proprio servizio di telemedicina predisposto per i pazienti diabetici, un ulteriore contributo che potrebbe aiutare a liberare posti negli ospedali più in sofferenza a causa del coronavirus.

I risultati sui pazienti Covid-19

Il tocilizumab per l’artrite reumatoide era già stato utilizzato in via sperimentale in Cina per curare 21 pazienti con infezione da coronavirus, ottenendo su alcuni di questi “addirittura recuperi dell’ossigenazione in 24-48 ore”, come spiegato da Ascierto. Per quanto riguarda il paziente intubato dopo aver contratto il Covid-19, curato a Napoli insieme a una seconda persona, anche in questo caso i medici avevano notato secondo Ascierto “segni importanti di ripresa, in termini di ossigenazione” in seguito all’utilizzo del farmaco normalmente efficace contro l’artrite reumatoide. 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.