Tumori: Iarc, 18 milioni di nuove diagnosi nel 2018

Salute e Benessere

Il fumo sarebbe la principale causa prevenibile di cancro: è quanto emerso dalla terza edizione del 'Cancer Atlas’, pubblicata dall'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) 

Nel 2018, in tutto il mondo sono stati diagnosticati 18 milioni nuovi casi di cancro, il 50% dei quali prevenibile.
Il fumo sarebbe la principale causa prevenibile di cancro: il numero di fumatori a livello globale è di circa 1,1 miliardo di persone.
Inoltre, tra i fattori di rischio anche l’inquinamento occupa una posizione di rilievo.
Questo è il quadro emerso dalla terza edizione del 'Cancer Atlas’, pubblicata dall'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc).
“Questa nuova edizione di The Cancer Atlas sarà di grande valore per un vasto pubblico nella lotta contro il cancro. Tra le svariate disuguaglianze evidenziate in questo libro, è chiara la diversità nella disponibilità di informazioni fondamentali per informare e salvare vite umane. Per stabilire le priorità degli interventi più efficaci e valutarne l'impatto, è necessario disporre urgentemente di dati sul cancro che siano solidi, pertinenti e regolarmente raccolti in tutti i Paesi del mondo”, ha spiegato Freddie Bray, a capo di Section of Cancer Surveillance presso IARC.

Numeri nel mondo

Nel 2018 sono stati diagnosticati all’incirca 270mila nuovi casi di cancro nei bambini.
La percentuale di guarigione dei più piccoli è dell’80% nei Paesi ad alto reddito, ma è solo al 20% nelle aree povere.
Stando ai dati emersi dal ‘Cancer Atlas’, si stima che nel 2040 verranno diagnosticati nel mondo 29 milioni nuovi casi di tumore. L’incremento delle casistiche sarà una conseguenza diretta dell’invecchiamento della popolazione mondiale.
Inoltre, la patologia colpirà il 21% degli uomini e il 18% delle donne e comporterà il decesso del 13% dei maschi e nel 9% delle femmine.

Le infezioni provocano il 15% dei tumori

Nel mondo, oltre al fumo, anche le infezioni sono tra le principali cause del cancro: provocano in media il 15% delle neoplasie. La percentuale in molti Paesi dell'Africa sub-sahariana e dell'Asia arriva fino al 31%.
"Le quattro più importanti infezioni che causano il cancro nel mondo sono l'Helicobacter pylori (770,000 casi), il papillomavirus (HPV) (640,000), l'epatite B (420,000), e l'epatite C (170,000), che insieme assommano il 90% dei tumori dovuti a questa causa”, scrivono gli esperti nel documento.  

Salute e benessere: Più letti